Pesce spada, in tavola dopo primo aprile

Pesce spada, in tavola dopo primo aprile

Pesce spada, in tavola dopo primo aprile
Pesce spada, in tavola dopo primo aprile

per salvare specie

Alleanza coop, fermo pesca tre mesi e ora si apre questione quote

Per mangiare pesce spada fresco made in Italy occorrerà aspettare il prossimo 1 aprile. E’ appena cambiato infatti il calendario che sposta dall’autunno ai mesi invernali la sospensione delle attività di cattura per la salvaguardia della specie. Niente pesca allo spada, quindi, dal 1 gennaio al 30 marzo, ma si potrà tornare a pescare dal 1 ottobre al 30 novembre, mesi in cui finora vigeva il fermo delle attività di pesca. E’ quanto disposto dal decreto ministeriale firmato dal Ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, con cui l’Italia anticipa di tre mesi la nuova regolamentazione adottata dall’Iccat, la Commissione Internazionale per la Conservazione dei Tunnidi Atlantici, lo scorso novembre (era fine maggio 2017). ”E’ un provvedimento che nasce da una nostra proposta votata dal Medac, il Consiglio consultivo regionale per il Mediterraneo, nel 2016 in Spagna”, commenta l’Alleanza delle Cooperative italiane pesca, soddisfatta della nuova misura sottolineando però la necessità di risolvere il nodo delle coperture sociali per i pescatori durante il periodo di fermo.

Da qui la richiesta al Governo di consentire l’accesso alle nuove forme di integrazione salariale previste dalla legge di bilancio 2017, come ad esempio la misura dei 30 euro al giorno a pescatore. Blocco temporale per la pesca allo spada, a cui presto si aggiungerà il sistema delle quote di cattura come per il tonno rosso. Proprio oggi a Madrid si apre una tre giorni con i Paesi Iccat per trovare un accordo sulla ripartizione delle catture nell’area mediterranea tra i paesi Ue e gli altri del bacino.

”Una partita molto importante – conclude l’Alleanza – dove occorre tenere conto della realtà, con l’Italia primo produttore in assoluto di pesce spada con oltre il 40% degli sbarchi di tutto il Mediterraneo”.

Fonte Ansa.it

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.