Pasta e patate con cubetti di Pane e Patate

Pasta e patate con cubetti di Pane e Patate

Al-Dente-WORLD-PASTA-DAY-2021-HAVEAGOODPASTA-cover-slideshow-FB-02
Al-Dente-WORLD-PASTA-DAY-2021-HAVEAGOODPASTA
Pasta e patate con cubetti di Pane e Patate
Pasta e patate con cubetti di Pane e Patate

Ci sono alcuni piatti che rimango impressi nella memoria, la Pasta e Patate, che quando avevo 9 anni, quindi più di mezzo secolo fa, mia zia Pippina, Giuseppina per i non Siculi, mi cucinava a Caprileone, e di cui ho in bocca un ricordo ancora vivissimo e Piacevole.

Ingrediente per 4 persone

  • 800 gr di patate
  • 200 gr di pasta a piacere io ho usato dei rimasugli di maltagliati
  • 1 peperone
  • 1 costa di sedano
  • 2 carote
  • 1 cipolla grossa
  • 1 peperoncino
  • qualche foglia di salvia
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio EVO q.b.

Preparazione

Pulite le patate e tagliatele a cubetti di circa 2 cm di lato, pulite tutte le altre verdure, iniziamo dal soffritto, tagliate a pezzetti il peperone, il sedano le due carote e la cipolla, mettetele in un frullatore e frullatela grossolanamente, soffriggete con qualche cucchiaio di olio evo. Nella pentola aggiungete il peperoncino e le patate, fate rosolare un po’ aggiungete le foglie di salvia, poi coprite con acqua tiepida e fate cuocere, quando le patate saranno, quasi cotte, aggiustate di sale e pepe e buttate a pasta, portate a cottura.

Servite con dei Cubetti di Pane, Patate e polvere di Scotch Bonnet

Ingrediente per 4 persone Cubetti di Pane, Patate e polvere di Scotch Bonnet

Preparazione Cubetti di Pane, Patate e polvere di Scotch Bonnet

Pulite le patate e tagliatele a cubetti di circa 1 cm per lato, mettetele in una teglia, foderata di carta forno, salate pepate e irrorate con un filo di olio EVO, infornate per circa 20 minuti a 180 gradi.
Nel frattempo, togliete la crosta al pane e tagliate a cubetti, anche questi di circa un cm.
Passati i 20 minuti, tirate fuori le patate aggiungete i cubetti di pane, mescolate bene e spolverate con la polvere di scotch bonnet. infornate per altri 10 minuti sempre a 180 gradi.
Per la quantità di peperoncino, regolatevi secondo i vostri gusti, io quando li preparo, divido la teglia in 3 strisce e spolvero con quantità crescente di polvere.
In questo modo avrete tre gradi di aromatizzazione e potrete accontentare gli amici. In base ai gusti.
Per la polvere di scotch bonnet, compratela veramente di qualità, Italiana sicuramente, e possibilmente da agricoltura biologica ed essiccata a bassa temperatura.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

 

 

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.