Crea sito

La Sirenetta

La Sirenetta, spaghetti risottati al polpo, per formare Ursula

La Sirenetta
La Sirenetta

La sirenetta (The Little Mermaid) è un film del 1989 diretto da John Musker e Ron Clements. È un film d’animazione prodotto dalla Walt Disney Feature Animation e basato sull’omonima fiaba di Hans Christian Andersen. La versione originale si avvale delle voci di Jodi Benson, Pat Carroll, Samuel Wright, Christopher Daniel Barnes, Kenneth Mars, Buddy Hackett, Jason Marin e René Auberjonois.
Distribuito dalla Walt Disney Pictures, il film venne distribuito nei cinema il 14 novembre 1989, ed è il 28º Classico Disney e il primo film del Rinascimento Disney. Nel corso della sua prima distribuzione, La sirenetta incassò 84 milioni di dollari nel Nord America, fino ad oggi ha raggiunto un incasso totale di 211 milioni di dollari.

Dopo il successo del film Disney/Amblin del 1988 Chi ha incastrato Roger Rabbit, a La sirenetta è stato dato il merito di aver infuso nuova vita all’arte dei film d’animazione Disney, dopo una serie di fallimenti critici o commerciali prodotti dalla Disney fin dai primi anni settanta. Diede anche inizio all’era nota come il Rinascimento Disney.
Un personaggio che mi ha colpito è Ursula, la principale antagonista del film. È una malvagia strega del mare per metà umana e per metà piovra che desidera ardentemente diventare regina di Atlantica, e per questo non esiterà ad usare Ariel. Un tempo viveva alla corte di Tritone ma venne in seguito bandita e, proprio per questo, medita vendetta verso il sovrano di Atlantica. Alla fine della battaglia con Ariel, Flounder e Sebastian viene uccisa dal principe Eric.

Ingrediente per 2 persone

800 g. di polpo
160 gr di spaghetti io ho utilizzato della Pasta Rummo spaghetti 3
½ bicchiere di vino rosso, anzi nero, nerello mascalese o nero d’avola
150 g. di pomodori ben maturi
1 spicchio d’aglio
1 cipolla di tropea
1 peperoncino cayenna per la cottura è un annum va bene in cottura
2 Limoni, succo e buccia, quindi biologici
4 peperoncino dente di coyote per i capelli di Ursula
1 peperoncini diavolicchio di diamante per le labbra di Ursula
2 peperoncini Peperoncini Arancio di Stromboli per cuocere il polpo
Pellicola trasparente resistente al calore
Qualche fogliolina di Maggiorana
8 Chiodi di garofano
1 cucchiaio di Olio EVO
Pepe q.b.
Sale q.b.

Preparazione

Procuratevi la Pellicola trasparente resistente al calore, io uso questa, assicuratevi che sia un tipo adatto all’uso ad alta temperatura.

20150715_162600 20150715_162459
Pulire i polpi con delicatezza, cercate di lasciare integra la sacca, diventerà la testa di Ursula.
In pentola capiente deponete tutte le verdure, pulite e tagliate a pezzi grossolanamente, aggiungete il vino, normalmente userei un vino Bianco ma mi serve il colore per far diventare scuro il manto della cattiva.
Tagliate delle strisce di buccia di 1 Limone, aggiungete il succo, poi 1 cucchiaio di Olio EVO, un po’ di pepe e infine un pizzico di sale, 4 chiodi di garofano, gli altri 4 ci serviranno per gli occhi.
Deponete sopra le verdure i polpi in modo che si tocchino il meno possibile, tagliate gli  Arancio di Stromboli a metà e aggiungeteli.
Coprite con qualche striscia di pellicola ben tirata alla fine legate con altra pellicola tirata tipo una cordicella come si vede dalla foto.
Ponete sul fuoco a fiamma media appena si sarà creata la palla che permette il ricircolo del vapore abbassate la fiamma al minimo, da questo momento fate cuocere per 45 minuti.
Passato questo tempo spegnete e lasciate nella pentola per altri 15 minuti, in questi 15 minuti continuerà la cottura in una specie di sottovuoto.
Con questo sistema il polpo sarà tenerissimo e molto facile da preparare e non necessita di particolari attenzioni.
A cottura ultimata tirate fuori il polpo, assaggiate il sughino, ci dovete cuocere gli spaghetti quindi dovete regolare di sale e aggiungete un bicchiere di H2O.
Riaccendete il fuoco quando avrà ripreso il bollore, immergete gli spaghetti nel sughetto e cuoceteli come un risotto, io ho utilizzato degli spaghetti n3 Rummo perché adoro la pasta a lenta lavorazione, mi piace come tiene il sugo.
Nel frattempo, con delicatezza togliete la pelle dalla sacca del polpo, diventerà la testa della strega
Mettete dei guanti, aiutandovi con un coltellino, tagliate il peperoncino dente di coyote e ricreate i capelli, incidete la sacca per innestarvi i capelli, le labbra e gli occhi, basta guardare la foto e capite come fare, con la buccia del limone tagliata molto fine ricreate il gioiello.
Appena la pasta sarà cotta aiutatevi con un mestolo fate la classica collinetta, frullate quello che è rimasto nella pentola e versatelo sopra gli spaghetti, deponete sopra la pasta il polpo che ormai somiglia molto alla Cattiva, aggiungete qualche fogliolina di maggiorana e servite.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Ursula
Ursula
Questo non è un polpo è un Moscardinino, una sola fila di Ventose
Questo non è un polpo è un Moscardinino, una sola fila di Ventose

20150715_111025 20150715_111422 20150715_111428 20150715_111543 20150715_112753 20150715_120112

Come si cuoce il polpo al Marsala
Come si cuoce il polpo al Marsala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.