La Carabaccia

La Carabaccia è la zuppa toscana con le cipolle.La Carabaccia

La Carabaccia

Il piatto è presente nei ricettari fin dal Rinascimento, con il nome di  Carabazada.

È l’antenata della parigina soupe à l’oignon, fatta conoscere alla corte del re di Francia Enrico II d’Orléans da sua moglie Caterina de’ Medici (1519- 1589) e diventata piatto popolare in seguito alla rivoluzione francese.

Rispetto al periodo rinascimentale, la ricetta ha naturalmente subito delle modifiche: all’epoca i cibi tendevano ad avere un fondo dolce e speziato ed essa conteneva, tra i vari ingredienti, zucchero, abbondante cannella, mandorle “ambrosine” e agresto.

Nel tempo i gusti si sono modificati e questo fondo è sparito, lasciando pieno spazio alla morbidezza naturale delle cipolle stesse.

Vi propongo la mia versione:

Ingredienti per 6-8 persone

– 1 kg. di cipolle

– 150 gr. di pecorino

– 150 gr. di gruviera

– Olio Extravergine di oliva

– 1,5 litri di brodo di carne

– una carota

– un pizzico di peperoncino

– una costola di sedano

– 50 gr. di farina

– 4 uova

– 3 fette piccole di pane tostato a testa.

– Sale q.b.

 

Rosolare la carota e il sedano con l’olio e.v.o. in una grossa padella antiaderente, unire le cipolle tagliate a pezzetti di circa un centimetro e

, appena sono appassite, aggiungere il brodo di carne, un pizzico di peperoncino e cuocere altri 15’ circa.

 

Amalgamare le 4 uova con circa 50 grammi di pecorino e dividere il composto nelle ciotole.

Versare sopra le uova le cipolle, poi le fettine di pane tostato e ricoprire con tutto il resto del formaggio.

Infornare a 200° per circa 5 minuti per far sciogliere il formaggio e servire ben caldo.

Buona Carabaccia!

Carabaccia1 Carabaccia2 Carabaccia3 Carabaccia5 Carabaccia7 Carabaccia6 Carabaccia8

 

 

Precedente Peperoncinopedia Cosa non fare Successivo Cozzo ripieno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.