Il Peposo dell’Impruneta al Diavolicchio di Diamante

Il Peposo dell’Impruneta al Diavolicchio di Diamante

Il Peposo dell’Impruneta al Diavolicchio di Diamante
Il Peposo dell’Impruneta al Diavolicchio di Diamante

È un piatto tipico di Impruneta, paese delle colline fiorentine, rinomatissima per la “terra di Impruneta” (un’argilla contenente sabbia, carbonato di calcio e ossido di ferro, che conferisce alla terracotta il suo caratteristico colore rossiccio), da cui si ottengono terrecotte, mattoni e altri materiali in cotto (cotto d’Impruneta).
Sono stati proprio gli addetti alla cottura dei mattoni nelle fornaci (i fornacini) che hanno creato questa preparazione: in un angolo della fornace, mettevano un tegame di coccio con tutti gli ingredienti affogati nel vino; dopo 5 ore il piatto era pronto.
Si narra che, al tempo del Brunelleschi, durante la costruzione della famosa cupola della Cattedrale di Santa Maria in Fiore, che poi è il Duomo di Firenze, i “fornacini” addetti alla cottura dei mattoni facessero largo uso di questa pietanza.
La lunga cottura, il pepe ed il vino Chianti, inducevano i lavoratori a mangiare insieme al peposo parecchio pane ed a fare delle robuste bevute, per ristorarsi dalla fatica della giornata.
Da notare, cosa non da poco, che siamo di fronte ad un gustoso piatto dietetico, privo di grassi e soffritti.

Siccome veniva preparato dai e per  i “fornacini” addetti alla cottura dei mattoni il numero di operai variava tutti i giorni quindi gli ingredienti sono per persona

Ingredienti per 4 persone

1 kg di Carne da Bollito 250 gr a testa
20 chicchi di pepe nero 5 a testa
1 litro circa di Chianti 250 cl a testa

1 diavolicchio di Diamante a testa
4 spicchi d’aglio uno a testa
8 fettine fini di pane 2 a testa
4 foglie di salvia uno a testa
4 foglie di alloro uno a testa
4 pizzichi di sale uno a testa

Preparazione

la preparazione tradizionale prevede la cottura in una pentola di coccio nel forno, io vi propongo una versione da poter fare in casa.
Prendete una pentola a bordi alti, meglio de di ghisa, Iniziate a mettere in pentola la carne tagliate a pezzi non tanto grossi, aggiungete, i diavolicchi di Diamante, il pepe in grani, gli spicchi d’aglio non pelati, il sale, gli odori e coprite con il vino.
Mettete la pentola sul fuoco e cuocete a fuoco moderato, fino a che la carne non risulti estremamente morbida, dovrebbero bastare circa 2 ore, 2 ore e mezza.
Tostate le fette di pane sulla griglia, deponete il pane su un piatto versateci sopra il peposo e servire subito.
Con questo piatto vi consiglio un bel chianti classico riserva.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

DSCF6982

Precedente Risotto alla Carbonara, uovo marinato e peperoncino Erotico Successivo Trenitalia/Slow Food: 20 itinerari enogastronomici a portata di treno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.