Harborea 2022 – Parco di Villa Mimbelli, il 7, 8 e 9 ottobre

Harborea 2022 – Parco di Villa Mimbelli, il 7, 8 e 9 ottobre

Harborea 2022 - Parco di Villa Mimbelli, il 7, 8 e 9 ottobre
Harborea 2022 – Parco di Villa Mimbelli, il 7, 8 e 9 ottobre

Harborea 2022. La grande Festa delle Piante si apre al magico mondo dei giardini

Ottanta gli espositori della mostra mercato provenienti dal mondo florovivaistico di tutt’ Italia. Ricco il programma di iniziative tra Caffè

Letterari, dimostrazioni floreali, corsi e laboratori per grandi e piccoli

Livorno, 3 ottobre 2022 – Taglio del nastro venerdì 7 ottobre (ore 14.30) nel parco di Villa Mimbelli (via San Jacopo in Acquaviva) dell’undicesima edizione di Harborea- Il magico mondo dei giardini, la grande mostra mercato di piante, erbe, fiori, piante esotiche, ortaggi e sementi ma anche arredi da giardino e prodotti eno-gastronomici biologici tipici e mestieri dimenticati.

Organizzata dal Garden Club Livorno in collaborazione con il Comune di Livorno, la manifestazione si terrà venerdì 7 ottobre dalle 14.30 alle 18.30   sabato 8 e domenica 9 ottobre dalle  ore 9.30 alle 18.30.

Tre giornate interamente dedicate al culto del verde con una mostra mercato che conta quest’anno circa 80 espositori altamente selezionati  provenienti dal mondo florovivaistico di tutt’ Italia, e poi Caffè Letterari sul tema “ Il magico mondo del giardino” declinato in ogni suo aspetto, corsi di composizione floreale e di giardinaggio per bambini, dimostrazioni floreali, tour tra gli stand, degustazioni e – novità di questa edizione – laboratori e corsi per conoscere antichi mestieri artigianali, corsi base di giardinaggio e tecniche di coltivazione. Tutto dedicato sia a piccoli che grandi perché obiettivo di Harborea è far conoscere un giardinaggio di qualità e trasmettere la passione per le piante e per l’ambiente.

La mostra mercato

A fare da padrona della  manifestazione come ogni anno la mostra mercato con oltre  80 espositori. Si potrà trovare ogni genere di piante:  i bonsai, le clematidi, le bromeliacee, dalle piante mediterranee alle tropicali,  e poi rose, viole, ciclamini, azalee, agrumi; piante alimurgiche e succulente, ortaggi e aromatiche , frutti nuovi e frutti antichi. Tornano gli ibiscus e “le figlie dell’aria” ovvero le piante di tillandsia che vivono senza terriccio donando fioriture inaspettate. Non mancheranno i cactus , le agavi, le ortensie, le zucche, i papiri . Una varietà infinita di eccellenze che il giardino può offrire.  E poi stand di biocosmesi, olii essenziali con un produttore di lavanda che arriva direttamente dalla Francia, giocattoli in legno, perfino capi di abbigliamento prodotti esclusivamente con materiali vegetali . Ci saranno anche stand come Papaveri di Mare con la produzione di olio, vino, vin santo, marmellate e i gelati vegani di Capofrio.

Un numero elevato di espositori disponibili a dare consigli e a rilasciare pillole di saggezza green che fanno comodo a tutti come informazioni su attrezzi da giardino, concimi e terricci , vasi e impianti di irrigazione.

Tra gli espositori….

Quest’anno torna la floricoltura Lari che oltre alle rose porterà una bellissima collezione di clematidi, mentre Rose Barni, sempre presente nelle edizioni di Harborea, porterà oltre alle rinomate collezioni di piante anche le strutture in ferro per sostenere gli arbusti più rigorosi e i roseti rampicanti.  Naturalmente non poteva mancare l’Agricoltura Ezio Bonini con le sue innumerevoli varietà di rose e fioriture, dato che la rosa non è soltanto la regina dei fiori ma anche il simbolo della manifestazione. La Casina di Lorenzo di Davide Picchi, uno dei più quotati vivai europei di piante rare esotiche adatte al clima mediterraneo, darà consigli su quali piante possono convivere con la nostra macchia mediterranea. E in rappresentanza di questo ambiente che caratterizza la nostra costa un nuovo espositore, Dunia Karama titolare dell’azienda Vivaio  Il Filo Verde. I prodotti spaziano tra varie piante da esterno come acero, rose, piccoli frutti, loropetalo, evonimo, mirto, melograno, ulivo ecc. Il vivaio Il Sughereto oltre a proporre numerose varietà di orchidee, porterà quest’anno  il genere Hoya, la famosa pianta dai fiori di cera mentre il vivaio Piante Innovative di Paolo Gullino proporrà le sue piante inusuali, in gran parte piante alimentari o officinali,  provenienti da tutto il mondo. Il Posto delle Margherite, dedicato al settore delle erbacee perenni adatte a terreni aridi e ventosi, proporrà una collezione di nuove ed affascinanti varietà di erbe ornamentali da foglia e da fiore. Lucarelli piante sarà presente con un’ampia collezione  di agrumi, di graminacee ed esemplari dell’area mediterranea per i visitatori che hanno un giardino al mare. Dalla  Sardegna una nuova presenza ad Harborea:  Zenith florovivaistica con interessanti proposte relative alle Tillandsie o piante d’aria e Bromeliacee, tra cui l’ananas. Nuovo ingresso anche per l’azienda La Penta che proporrà una collezione di  iris ed un ricco assortimento di bulbi. Anche per il settore delle aromatiche, oltre al rinomato Giardino delle Aromatiche e Pischedda, fa il suo nuovo ingresso Aromatiche Clagia ampliando l’offerta di quel settore di piante che hanno molteplici funzioni. Altri due nuovi espositori si uniscono in questa ampia offerta di piante da collezionare e coltivare: Chianti Bonsai con una importante scelta di esemplari e Spallacci Frutti con una collezione di alberi da frutta per chi volesse realizzare un suo orto. Immancabili poi le piante grasse, i semi e i bulbi, l’azienda Flying Garden con i suoi kokedama e Tamoflor direttamente dalla Sicilia con le bellissime collezioni di rampicanti. L’azienda agricola Alessandro Pippi in questa edizione si concentrerà invece sulle peonie, la canna indica, l’abutilion, la pythaia e gli hybiscus.

Tra gli stand per la prima volta ad Harborea anche una postazione della rinomata rivista di settore “Gardenia”  Cairoeditore, dedicata al mondo del verde.

Laboratori,corsi e appuntamenti in giardino

Quest’anno Harborea, con l’inizio della seconda decade,  ha voluto rinnovarsi accentuando il proprio obiettivo didattico di avvicinare le persone, in particolare i ragazzi, al mondo del giardino inteso non solo come un mondo da cui ricavare un piacere estetico, ma anche un mondo di conoscenza scientifica ed anche fonte di “sopravvivenza”. Ecco allora che nel corso delle tre giornate si terranno presso gli stand laboratori didattici sulle piante da mangiare ( stand di piante alimurgiche e aromatiche) su come si coltivano frutti e ortaggi, su come si conservano zucche e semi ed anche  su come si lavorano i grani antichi con degustazione di pane artigianale. Laboratori ma anche corsi base  per apprendere nozioni di giardinaggio. Per chi è amante del verde e del giardino si potranno ricevere presso gli stand consigli utili su come ad esempio potare una rosa, un’ortensia, un’orchidea o magari quando è il momento giusto per rinvasare una pianta e come.  Gli stand non saranno pertanto solo punti espositivi ma  luoghi attivi di apprendimento e conoscenza . A tale proposito si è voluto avvicinare i ragazzi anche a quelle arti e mestieri artigianali che vanno scomparendo come l’intreccio e la cucitura realizzati con erbe palustri, la lavorazione della ceramica con la tecnica del colombino, l’impagliatura delle sedie  con paglia di Vienna. Ai laboratori ed ai corsi si aggiungeranno anche gli “Appuntamenti in giardino”  che prevedono presentazioni di volumi (“ Ambiente e colori a Bellavista” del dott. Pasquinelli) , degustazioni varie ( presso lo stand Bellavista Insuese  vendita di farine di grani antichi con degustazione di pane  e olio bio ; allo stand Lena Arte Bagno appuntamenti con Madama Cafe shop che preparerà cocktail floreali),  e poi incontri con i responsabili di corsi quali quello  di Forest Bathing – immersione nella foresta per il nostro benessere e contro il tecnostress.

(Laboratori e corsi sono gratuiti e non richiedono prenotazione).

 Caffè Letterari

Il Caffè letterario di Harborea rappresenta uno spazio condiviso tra chi racconta e chi ascolta. Un confronto costantemente ricco di novità dove il magico mondo dei giardini vi catturerà e vi accompagnerà nella storia, nella quale le spedizioni naturalistiche consentirono di far conoscere ed acclimatare specie vegetali impensabili da coltivare nelle nostre latitudini. In questo XI anno di Harborea, il mondo vegetale viene raccontato nelle esperienze delle costruzioni di giardini idilliaci o sognati, nella volontà di inventare e plasmare un nuovo paesaggio di una natura inconsueta come alla Luccica ( sabato 8 ottobre ore 11.30 ospite Domitilla Calamai Osti) o in un connubio tra il creato della natura e quello dell’uomo con la sua arte, come è stato mirabilmente fuso nel parco della Fattoria di Celle ( sabato 8 ottobre ore 16 ospite Paolo Gori). Non mancherà uno sguardo al giardino del futuro sostenibile  ed al contempo superbo ( “I giardini del futuro” a  cura di Irene Strati  9 ottobre ore 16.45) ed a quello racchiuso nel mare, per lo più nascosto e poco conosciuto ma fonte di cibo della cultura orientale del passato e del nostro prossimo futuro. Una riflessione ( “A due passi dal mare” a cura di Tiziana Lombardi  9 ottobre ore 15) verterà su quella fascia di suolo contesa tra mare e terra, dove le piante sono pioniere di traguardi ambiziosi, ancorate a dune di sabbia che rendono critica la loro stabilità. In eterna lotta con vento e sale, le prime a rendere possibile un ecosistema di transizione.

 Dimostrazioni floreali

In seno ai Caffè Letterari, che si terranno nel vecchio teatrino del parco, avranno luogo anche quest’anno le dimostrazioni floreali a cura di una insegnante di decorazione floreale. Verteranno sul tema del giardino scelto  come filo conduttore di tutta la manifestazione.

La prima dimostrazione sarà sabato 8 ottobre (ore 17) con “Coltivo il mio giardino e il mio giardino mi coltiva. Forme tessiture e colori per ricreare un variopinto giardino sulla tavola”. Sarà reso omaggio proprio al giardino inteso come luogo interiore, in cui ritrovarsi e dialogare con sé stessi. E’ importante questo interscambio: l’essere umano che si prende cura del suo giardino e contemporaneamente gli elementi naturali nutrono la sua mente e il suo spirito, favorendo il suo benessere e la sua crescita interiore. Attraverso la decorazione sarà riprodotta l’idea  di un giardino ideale per decorare la tavola, realizzando una armoniosa sintesi  tra natura e artificio.

La seconda dimostrazione sarà domenica 9 ottobre (ore 16) con “Decoriamo la tavola con i colori dell’autunno, dove ogni foglia è un fiore”. Prendendo spunto dalla famosa frase di Camus ( “L’autunno è una seconda primavera in cui ogni foglia è un fiore”) sarà ricreato anche in questo caso un giardino per la tavola ricco di zucche , fiori, bacche e variopinto fogliame autunnale.

Non mancheranno  (padiglione Garden Club) i corsi di composizione floreale rivolti alle bambine (dagli 8 ai 14 anni) “Fanciulle in fiore” che avranno l’opportunità di realizzare cestini fioriti con l’aiuto delle maestre del Garden Club. ( i corsi richiedono la prenotazione)

Creo il mio Orto

Sabato 8 e domenica 9 ottobre  alle ore 10 presso il padiglione Harborea si terrà il primo corso di giardinaggio per bambini

” per imparare a coltivare erbe aromatiche. Un primo passo per avvicinare i piccoli ( il corso è rivolto ai bambini da 5 a 12 anni) al mondo della natura. Giocando, sporcandosi le mani e bagnandosi, si stimola un rapporto educativo e di amore verso ciò che cresce intorno a noi e si sviluppa una manualità importante per la crescita del bambino. Il corso inizia con il riempimento di una cassetta  da frutta con terriccio in cui verranno disposte piantine aromatiche. (necessaria la prenotazione)

Ingresso alla manifestazione : biglietto 5 euro. Gratuito fino a 14 anni.

Il ricavato della manifestazione, insieme al contributo del Comune, consentirà di progredire nel lavoro di restauro del Parco Storico di Villa Mimbelli.

Per info sull’intero programmai: https://www.harborea.com/

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.