Crea sito

Grazie dei fiori – Nilla Pizzi

Grazie dei fiori – Nilla Pizzi

Grazie dei fiori – Nilla Pizzi
Grazie dei fiori – Nilla Pizzi

La vincitrice della prima edizione del Festival di Sanremo anno 1951, quindi la scelta era scontata.
Ho pensato di ricreare i fiori con delle cipolle caramellate, servite come contorno di un piatto tipico della mia zona di nascita, le Braciole alla Messinese.
Il taglio utilizzato è il lacerto di spalla di bovino, è un taglio magro detto anche “falso filetto”.
Grazie dei fiori è stata la vincitrice della prima edizione del Festival di Sanremo anno 1951, quindi la scelta era scontata.
Ho pensato di ricreare i fiori con delle cipolle caramellate, servite come contorno di un piatto tipico della mia zona di nascita, le Braciole alla Messinese.
Il taglio utilizzato è il lacerto di spalla di bovino, è un taglio magro detto anche “falso filetto”.

Peperoncino usato: peperoncini di 7 anni sott’olio

questo è il link per il video della prossima canzone da indovinare

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g 6 fette di carne lacerto
  • g di provola dei nebrodi semi stagionata
  • 150 g di pangrattato
  • 2 cipolle ramate
  • 2 peperoncini di 7 anni sott’olio
  • Qualche cetriolino per il gambo dei fiori
  • Olive verdi in salamoia
  • origano q.b.
  • qualche rametto di Timo e altre erbe aromatiche per guarnire
  • aceto bianco di vino q.b.
  • zucchero di Canna q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio EVO q.b.

Preparazione

Unite il pangrattato con le erbe aromatiche tagliate finemente e amalgamate con dell’olio evo.
Tagliate le cipolle a fette verticali, deponetele sul fondo della teglia, salate, spargete lo zucchero di canna, spruzzate con l’aceto bianco.
Battete le 6 fette di lacerto, tagliatele a metà per ottenere 12 fettine, salate, pepate e passatele nell’olio evo.
In ogni fetta mettete un pezzetto di provola e un pochino di pangrattato, arrotolate, passate nel pangrattato e mettete in teglia, sopra le cipolle.
Infornate a 180 g per circa 20 minuti. Mentre tutto cuoce, create il fusto del fiore con i cetriolini e i peperoncini di 7 anni sott’olio, come si vede dalle foto.
Appena tutto è cotto, aggiungete le cipolle, gli involtini e le olive.

questo è il link per il video della prossima canzone da indovinare

002_#Sanremo2021
002_#Sanremo2021

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

 

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.