Crea sito

Fresa di Buonvicino

Fresa di Buonvicino

Fresa di Buonvicino
Fresa di Buonvicino

Amo le friselle, bagnate e poi condite con varie verdure e non solo, ma hanno il problema che mangi tanto pane, a Buonvicino, un comune della provincia di Cosenza, hanno risolto da secoli questo problema, prima di rimettere in forno il pane si elimina la mollica.
Un amico tornando dalle ferie in Calabria, ci ha invitati a cena e ci ha fatto assaggiare questa fresa condita con delle verdure.
Tornato a casa ho indagato ed ecco a voi la ricetta.

Anche se si chiama Fresa di Buonvicino è preparata in tutto il parco del Pollino.

uonvicino fu fondato alla fine del XIII secolo dagli abitanti di tre casali: Salvato, Tripidone e Trigiano nei pressi dell’abbazia di San Ciriaco.
Salvato era arroccato sulla rupe destra dello “Stretto”. Le primitive abitazioni erano su “Sasso dei greci”; di esse restano visibili tracce e superficiali scavi. Dagli scavi effettuati nel 1978 ed il 20 febbraio 1997 sono stati rinvenuti cocci di tegole, di piatti e ossa di animali. Gli abitanti si dedicavano alla pastorizia e alle attività boschive.
Nella parte opposta, ossia sul crinale roccioso della rupe sinistra vi era Tripidone (ivi, rovistando alcuni muri posti a nord-est dello ” Stretto”, è stato rinvenuto un pugnale di ferro di lavorazione artigianale). Questi primitivi villaggi avevano poco terreno a disposizione per lo più costituito da boschi e da montagne.

Ingredienti 

500 g di semola di grano duro
150 g di Lievito madre rinfrescato
300 cc di acqua
1 cucchiaio d’Olio EVO
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino sale q.b.

Preparazione

In un contenitore mettete
Fate sciogliere il sale e lo zucchero in poca acqua.
Su una spianatoia di legno, create la fontanella, con la semola piano piano aggiungete l’acqua impastate e mettete da parte per 30 minuti, questo per far partire l’autolisi. Aggiungete il lievito madre alla farina un po’ per volta, aggiungete l’acqua con sale e zucchero.
Impastate per circa 15, inserite in una ciotola coprite e fate lievitare per 2 ore a temperatura ambiente.
Formate il panetto, incidete la superficie e Infornare a 220° per circa 30 minuti.
Tagliate il pane a metà eliminate la mollica, lasciate solo la crosta e rimettete in forno per 15 minuti a 180 gradi.
La mollica dividono a fiocchetti e vengono usati per accompagnare delle insalate come parte croccante.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Prima lievitazione Fine
Prima lievitazione Fine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.