Chips di Marroni e Polvere di peperoncino Scotch Bonnet

Chips di Marroni e Polvere di peperoncino Scotch Bonnet

Chips di Marroni e Polvere di peperoncino Scotch Bonnet
Chips di Marroni e Polvere di peperoncino Scotch Bonnet

Il marrone possiedono i seguenti requisiti:

buccia di colore mogano chiaro con striature di colore scuro che corrispondono a rilievi della buccia avvertibili al tatto.
frutto di forma ovale-allargata o ovale-ellittica;
buccia sottile che ricopre una pellicola non penetrante nella polpa del seme e di facile asportazione;
polpa zuccherina e croccante che mantiene la consistenza in seguito a una prolungata cottura;
assente o ridotta cavità all’interno della polpa dei frutti;
bassa percentuale di frutti divisi dalla pellicola interna in due o tre semi.

Da diverso tempo, che avevo l’idea di fare questa ricetta, ma i risultati non mi soddisfavano. Avevo provato a togliete la buccia esterna, ma la pellicina interna una volta cotta, dava una nota amarognola, per niente piacevole.
Prova e riprova alla fine, sono riuscito a togliere anche quella interna, lasciando le castagne crude.

Ingredienti

400 gr di Marroni
Polvere di peperoncino Scotch Bonnet, se preferite potete usare altri polveri, di peperoncini aromatici
Sale q.b.

Preparazione

Per questa ricetta potete usare sia le castagne che i marroni, è una scelta vostra vengono bene con entrambi.
Incidete la pelle esterna delle castagne, cercando di non intaccare la polpa della castagna.
Mettete le castagne su una teglia e infornate per circa 8 minuti nel forno già a 220 gradi.
In questi 8 minuti il taglio si aprirà e vi permetterà di pulire perfettamente le castagne.
Aiutatevi con una mandolina e affettate le castagne, a fettine fini. Disponete le fettine su una teglia coperta da carta forno, salate e cospargete di polvere di Scotch Bonnet. o altro peperoncino aromatico.

Ponete in forno a 160 gradi per 10 minuti, poi aumentate a 200 e tenetele d’occhio, appena si cominciano a colorire sono pronte, non perdetele di vista perché ci mettono un attimo ad abbrustolirsi.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Le varietà di marrone presenti in Italia sono numerose e acquisiscono il nome dalla particolare area geografica di provenienza. Eccone alcune fra le più note:

  • Marrone di Chiusa di Pesio (Cuneo)
  • Marrone della Valle di Susa (Torino)
  • Marrone di San Mauro di Saline e San Zeno (Verona)
  • Marrone di Combai (Treviso)
  • Marrone di Campora (Parma)
  • Marrone di Zocca (Modena)
  • Marrone dell’Appennino Bolognese e Castel del Rio (Bologna)
  • Marrone di Palazzuolo (Firenze)
  • Marrone di Casola Valsenio (Ravenna)
  • Marrone di Marradi o del Mugello (Ravenna e Firenze)
  • Marrone dell’Amiata (Grosseto)
  • Marrone di Caprese Michelangelo (Arezzo)
  • Marrone di Miranda (Terni)
  • Marrone di Viterbo
  • Marrone di Roccadaspide (Salerno)
Marroni Puliti
Marroni Puliti

In Forno
In Forno

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.