Branzino marinato con Limone, olio evo, colatura di alici e mela annurca

Branzino marinato con Limone, olio evo, colatura di alici e mela annurca

Branzino marinato con Limone, olio evo, colatura di alici e mela annurca
Branzino marinato con Limone, olio evo, colatura di alici e mela annurca

Branzino marinato con Limone, olio evo, colatura di alici e mela annurca, Il pesce crudo marinato piace a tutta la famiglia, l’abbinamento con le mele annurca da quando lo abbiamo provato non lo abbandoniamo più.

Se i filetti si marinano sottovuoto si esalta il sapore utilizzando meno condimento, poi aggiungiamo la pelle croccante un po’ di freschezza con le zeste e la cena è servita.

Ingredienti per 4 persone

  • 4 filetti di Branzino abbattuti da circa 250 g cadauno
  • 4 mele annurca
  • 1 limone bio
  • Colatura di Alici di Cetara q.b.
  • Alcuni filetti di limone marinati
  • Qualche fogliolina di origano fresco
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio EVO q.b.

Preparazione

Togliete la pelle ai filetti, salate pepate un filo d’olio e infornate a 180 gradi per 15 minuti, la pelle diventerà croccante.

I filetti deponeteli su un tagliere salate, poco considerate che c’è la colatura, pepate e massaggiate i filetti con un condimento preparato con un cucchiaio di colatura di alici, una parte di olio evo e una di succo di limone.

Tagliate due mele a fettine e coprite i filetti, metteteli in dei sacchetti adatti e togliete l’aria con una macchina per sottovuoto.

Branzino marinato con Limone, olio evo, colatura di alici e mela annurca sottovuoto
Branzino marinato con Limone, olio evo, colatura di alici e mela annurca sottovuoto

Conservate in frigo per circa 6 ore, passato questo tempo tagliate delle fettine di mela e deponetele in cerchio, sopra deponete i filetti tagliati a bastoncini, sopra i filetti di poggiate la pelle croccante, i filetti di zeste di limone e qualche fogliolina di erba aromatiche a piacere.

Buon appetito

Se volete preparare delle ricette con pesce non perfettamente cotto, qui potete vedere cosa con viene fare per evitare problemi.

https://blog.giallozafferano.it/peperonciniedintorni/anisakis/

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.