Antica Roma, dolce Pane e Miele

Antica Roma, dolce Pane e Miele

Nell’antica

Antica Roma, dolce Pane e Miele
Antica Roma, dolce Pane e Miele

Roma, in cucina, vi erano forti disparità, fra i benestanti e il resto della popolazione, i nobili si potevano permettere, lo zucchero un’infinità di spezie che arrivavano dall’oriente, quindi erano costose.
Per quanto riguarda il pane, con farina di qualità superiore (siliga) si produceva il panis siligineus. A partire dal modo in cui veniva setacciata la farina, si avevano panis cibarius, secundarius, plebeius, rusticus. Sorta di gallette che si conservavano a lungo erano il panis militaris castrensis (riservato ai soldati) e il panis nauticus (per i marinai); piuttosto duro era anche il panis autopyrus (integrale), per non parlare del panis furfureus, destinato … ai cani! Un tipo più morbido, ma poco diffuso, era il panis parthicus, detto anche aquaticus in quanto spugnoso e in grado di assorbire una maggiore quantità d’acqua.

Ma anche se il popolo si doveva accontentare, di cibi di qualità inferiore, anche loro si permettevano qualche sfizio.
Uno dei dolci più usati fra la povera gente era il pane fritto e poi condito con del miele. Oggi vi presento la mia versione accompagnata con miele e fichi secchi.

Ingrediente

500 gr di pane integrale
200 gr di latte intero
200 gr di fichi secchi
Miele a Piacere
Olio EVO q.b.

Preparazione

Togliete un cantuccio, svuotatelo a formare una coppetta, tagliate la crosta, possibilmente tutto in pezzo, molto fine, ci servirà come contenitore per il miele, tagliate la mollica del pane a in fette alte circa 5-7 millimetri disponete queste fettine sul fondo di un contenitore, continuate disponendo sopra le croste, infine il cantuccio.
Versate il latte sopra l cantuccio, e così farete bagnare tutto il pane, lasciate riposare per circa 10 minuti.
Scaldate dell’olio evo, quando sarà ben caldo, friggete prima la mollica poi le croste, infine il cantuccio.
Appena si saranno colorate mettete il tutto su carta assorbente, se avete tagliato la crosta fine nel friggere si formerà una coppetta in cui versare il miele.
Servite mettendo in un contenitore il pane versate sopra del miele, il resto del miele versatelo nella crosta fritta.
Il cantuccio lo utilizzerete per contenere i fichi secchi tagliati a listarelli.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

 

Precedente Castelluccio di Norcia non fiorisce più Successivo Accordo Ue-Messico per rimuovere le barriere commerciali

2 commenti su “Antica Roma, dolce Pane e Miele

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.