Ambarabà ciccì coccò

Ambarabà ciccì coccòAmbarabà ciccì coccò

Ambarabà ciccì coccò

alcuni amici organizzano gare di cucina fra di loro, praticamente, sono 8 coppie e a turno organizzano una cena. le 7 coppie invitate votano l’atmosfera, il cibo, i vini, la musica, ec ec. ma avevano il problema che dovevano scegliere la coppia che indicata l’argomento, mi hanno chiesto di trovare un sistema per fare “la conta”.

Non Potevo che trovare un sistema culinario.

Quello seguente è il testo di una delle tante versioni; quello che è, in genere, comune a tutte le versioni è l’incipit incomprensibile:

Ambarabà ciccì coccò
tre civette sul comò
che facevano l’amore
con la figlia del dottore;
il dottore si ammalò:

ambarabà ciccì coccò! »
Sull’etimologia della parte iniziale di questa filastrocca esiste uno studio del linguista italiano Vermondo Brugnatelli (2003). A seguito di un’analisi basata sulla fonetica storica dell’italiano, egli ha osservato che essa potrebbe risalire ad epoca latina, quando doveva suonare qualcosa come “HANC PARA AB HAC QUIDQUID QUODQUOD”. Trattandosi di una “conta”, il senso doveva essere, a un dipresso, “ripara questa (mano) da quest’altra (che fa la conta)…”

La filastrocca è discretamente diffusa e talvolta viene citata, più o meno esplicitamente, in altre espressioni artistiche, dalle canzoni, al teatro e alla letteratura.

Ingrediente per 8 persone circa 16 pezzi

2 Pere Williams mature ma sode

8 noci

200 gr di parmigiano grattugiato

16 pezzetti di albicocche, servono solo a tappare la parte alta dello stecchino

15 pezzetti di peperoncino dolce

1 pezzetto di peperoncino piccante

16 stecchini

Preparazione

Rompete i gusci delle noci cercando di non spaccare il gheriglio,  vi servono 16 mezze noci.

Tagliate a metà le pere tagliatele a fette di circa 1,5 cm.

Prendete 16 stecchini infilzate alla base le mezze noci, fate in modo che lo stecchino rimanga perpendicolare al tavolo.

In ogni stecchino aggiungete un pezzo di pera.

Sopra le pere aggiungete il peperoncino, 15 saranno dolci e solo uno piccante, per la scelta dei peperoncini, per esempio potete usare un aji amarillo per i 15 pezzi e un habanero per il pezzo piccante. Ma dipende dai vostri ospiti, perché se hanno un naso allenato il profumo dell’habanero si sente facilmente. Se non avete peperoncini freschi potete usare le polveri oppure ancora meglio i patè.

Scaldate una padellina appena calda mettete una cucchiaiata di parmigiano e spandetelo appena si comincia a colorire, con l’aiuto di una spatola, meglio se non di metallo  e con i denti non uniti sul davanti, girate la cialda, appena cotta deponetela con il centro sopra lo stecchino fate un pochino di pressione e fatela aderire sulla pera finché e calda.

Appena la cialda si sarà raffreddata manterrà la forma presa, a questo punto in cima allo stecchino mettete un pezzetto di albicocca secca.

Buon appetito e in bocca al peperoncino.

calogero@peperonciniedintorni.it

https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl

http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it

https://plus.google.com/u/0/

https://twitter.com/@calorifi

https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

20141009_182159 20141009_183042 20141009_183015 20141009_183322 20141009_183611 20141009_183743 DSC02374

Precedente Extralucca il salotto dell'olio Successivo Vino, sequestrati 30.000 litri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.