Crea sito

Albert Einstein nei 100 anni del suo premio Nobel

Albert Einstein nei 100 anni del suo premio Nobel

Albert Einstein nei 100 anni del suo premio Nobel
Albert Einstein nei 100 anni del suo premio Nobel

Albert Einstein nato a Ulma, 14 marzo 1879 – morto a Princeton, 18 aprile 1955 è stato un fisico tedesco naturalizzato prima svizzero e dopo statunitense.
Considerato il più importante fisico del XX secolo, conosciuto al grande pubblico anche per la formula dell’equivalenza massa-energia, E = mc2.
Cento anni fa nel 1921 ricevette il premio Nobel per la fisica «per i contributi alla fisica teorica, in particolare per la scoperta della legge dell’effetto fotoelettrico», un passo avanti cruciale per lo sviluppo della teoria dei quanti.
Due curiosità su Einstein,

  • Fece firmare alla ex-moglie, Mileva Marić, un contratto per cui, nel caso in cui le fosse stato richiesto da Einstein, avrebbe acconsentito a lasciare la stanza o smettere di parlare.
  • Gli occhi e le rughe di Eistein vennero presi come ispirazione per creare la fisionomia del personaggio Yoda di Star Wars.

    Yoda di Star Wars
    Yoda di Star Wars

Uno dei piatti preferiti dal genio era quella che vi presento oggi

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g Lenticchie
  • 200 g di salsiccia semi stagionata
  • 50 g Lardo
  • 4 Fette Pane raffermo
  • 3 spicchi d’aglio
  • Alloro
  • salvia
  • 2 cucchiai di Passata di pomodoro
  • Semi di Sesamo nero
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio EVO q.b.

Preparazione

Mettete in ammollo le lenticchie per almeno 1 ora.
Scolatele e fatele bollire per circa 40 minuti con qualche foglia di alloro.
Tostate il pane raffermo in forno a 170 gradi per circa 10 minuti con un filo d’olio, appena spento il forno strusciate subito con l’aglio.
Togliete un quarto delle lenticchie e frullatele con un goccio di acqua di cottura e dell’olio evo. Create 4 medaglioni, alti circa mezzo centimetro, sopra scrivete la famosa formula E = mc2 con il sesamo nero, poi asciugate in forno a 150 gradi per circa 30 minuti.
Tagliate la salsiccia a fettine cuocete in padella con un filo d’olio e un paio di spicchi d’aglio.
Togliete la salsiccia dalla padella aggiungete il lardo appena si sarà sciolto aggiungete le lenticchie salate e pepate, fate cuocere con della salvia e il concentrato.
Dopo 5 minuti aggiungete la salsiccia e un mestolo di acqua di cottura delle lenticchie fate amalgamare.
Servite mettendo il pane in fondo alla terrina sopra lenticchie e salsiccia, completate con il medaglione di lenticchie.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.