Al via gli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino

Al via gli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino

Al via gli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino
Al via gli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino

Dalla Liguria alla Sicilia ecco gli eroi che mantengono vive le nostre montagne e salvano la biodiversità

Dal 16 a domenica 18 in Molise a Castel del Giudice (Is) si tengono i secondi Stati Generali delle Comunità dell’Appennino, con oltre 150 agricoltori, allevatori, artigiani e rappresentanti di enti e consorzi chiamati a raccolta da Slow Food Italia. Obiettivo dell’incontro è fare il punto sullo stato delle terre alte e rilanciare una nuova stagione di rinascita sociale, economica e culturale dei territori della dorsale italica. Ecco chi ha già cominciato nel proprio piccolo: i Presìdi Slow Food che, resistendo alle lusinghe della vita di pianura, curano i territori e tutelano la biodiversità. Seguiteci in questo lungo viaggio dalla Liguria alla Sicilia in compagnia di alcuni dei protagonisti. Ecco chi rappresenta la Toscana…   «Se dovessi considerare solo quello che guadagno avrei fatto meglio a lavorare come operaio, ma ho l’allevamento nel sangue!»: Massimo Iori ha una grande passione per il suo lavoro ed è riuscito a trasmetterla ai suoi figli, due ragazzi di 16 e 18 anni, che hanno intenzione di continuare la tradizione di famiglia dopo di lui. Questo succede in molte aziende produttrici di pecorino della montagna pistoiese, un Presidio toscano, ed è un segno positivo del valore dell’attività: «le aziende rimaste sono comunque molto poche, fino a dieci anni eravamo molti di più e all’epoca dei miei nonni, che hanno fondato l’azienda nel 1954, ancora di più». Il pecorino della montagna pistoiese rimane un’importante risorsa d’uso e mantenimento del paesaggio e delle popolazioni sul territorio che ha bisogno di essere preservata.   Leggi tutte le storie qui Ecco il comunicato stampa, il programma e tutti i materiali delle passate edizioni degli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino.

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.