Crostoli o frappe di Carnevale

In questi giorni di Carnevale, non potevo non proporvi un classico dolce fritto, tipico di questa ricorrenza. A Ferrara li chiamano crostoli, nel mantovano lattughe, in altre parti d’Italia vengono chiamati chiacchiere, frappe, cenci, bugie… nomi diversi per questi sottili e deliziosi rettangoli di sfoglia. A me piacciono molto perché, a differenza di altri dolci fritti, assorbono poco olio e rimangono leggeri e croccanti. La ricetta che vi propongo è quella di mia suocera, che ha preso spunto dal libro di Anna Moroni.

crostoli chiacchiere bugie

Ingredienti per 2 vassoi di crostoli:

  • 500 gr di farina 00
  • 50 gr di burro morbido
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 50 gr di liquore all’anice (o grappa, o altro liquore)
  • scorza grattugiata di un limone biologico
  • 1 pizzico di sale
  • vino bianco q.b.
  • olio di semi di arachide
  • zucchero a velo

Preparazione:

Impastate la farina setacciata con le uova, lo zucchero, un pizzico di sale e il burro morbido tagliato a tocchetti. Aggiungete quindi il liquore all’anice e la scorza di limone grattugiata e continuate ad impastare. Se non gradite il sapore dell’anice potete utilizzare del liquore all’arancia, del rum o anche della grappa.

Unite all’impasto un goccio di vino bianco per rendere il tutto più morbido ed omogeneo, quindi lasciate riposare il panetto di sfoglia per 10-15 minuti. Potete impastare con l’aiuto della planetaria oppure a mano, formando la classica fontana con la farina, è un po’ più faticoso ma i crostoli riusciranno comunque benissimo!

Stendete la sfoglia piuttosto sottile con il mattarello o con la nonna papera… io di solito tiro l’impasto fino al penultimo spessore, ma dovrete regolarvi a seconda della vostra macchina. Ricavate dalla sfoglia dei rettangoli di grandezza regolare e praticate un taglio al centro con la rotella per pasta. Fate passare un’estremità del rettangolo all’interno del taglio, in modo da formare una specie di nodo.

Nel frattempo, mettete a scaldare abbondante olio di arachide in un tegame capiente. Quando sarà ben caldo (circa 180°), immergetevi i crostoli, 2 o 3 alla volta, e fateli dorare per pochi minuti girandoli un paio di volte, facendo attenzione a non farli colorire troppo. Quando saranno fritti, scolateli dall’olio, poneteli su carta assorbente e cospargeteli di zucchero a velo.

Una volta raffreddati, potrete disporli su un vassoio e servirli… saranno talmente leggeri e friabili che uno tirerà l’altro! Provate anche voi la ricetta dei crostoli, se vi sono piaciuti o avete suggerimenti e variazioni lasciate un commento qui sotto!

Se vi piacciono le mie ricette, potete seguirmi anche sulla pagina Facebook Pelle di Pollo!

Pubblicato da pelledipollo

Mi chiamo Anna, amo sperimentare ricette sempre nuove, che abbiano ingredienti semplici ed economici. I miei piatti sono leggeri e veloci da realizzare, adatti a chi ha poco tempo ma non vuole rinunciare al gusto e alla soddisfazione della cucina fatta in casa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.