Zuccotto di pandoro

Vuoi sorprendere gli amici che verranno a farti visita nei giorni delle feste di Natale? So io cosa ci vuole! Bastano poche fette di pandoro, una morbida e profumata crema di ricotta, cioccolato e arancia e per finire una sontuosa ganache al cioccolato per guarnire! Ecco il mio zuccotto di pandoro, un dolce semplice e goloso, ma soprattutto originale per stupire tutti i tuoi cari.

Sono curioso di vedere quest’anno cosa diranno i miei ospiti quando accanto ai dolci napoletani tradizionali si troveranno avanti questo zuccotto di pandoro. I miei sono un po’ tradizionalisti, come me, tuttavia sono abituati anche a tutte le mie rivisitazioni e quindi… vi saprò dire a breve! E i tuoi invece, cosa ne penseranno? Non ho dubbi, farai un successone se non per la bellezza del dolce, sicuramente per il piacevolissimo connubio degli ingredienti. Provare per credere!

Intanto ti ho parlato della mia ricetta dello zuccotto di pandoro, adesso aspetto le tue foto taggandomi su Instagram e utilizzando l’hashtag #giovannicastaldi.

A presto!
Gio’

ricetta zuccotto di pandoro peccato di gola di giovanni
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • PorzioniDosi per 4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti per uno stampo da 12 cm

  • 4Pandoro (fette)
  • 450 gRicotta vaccina
  • 100 gCioccolato fondente
  • 100 gZucchero a velo
  • 1Scorza d’arancia

Per la ganache al cioccolato

  • 150 gCioccolato fondente
  • 150 gPanna fresca liquida

Preparazione dello zuccotto di pandoro

  1. Zuccotto di pandoro peccato di gola di giovanni 1-2

    Per preparare lo zuccotto di pandoro cominciamo dal ripieno. Sminuzza il cioccolato, non troppo fine ma nemmeno troppo spesso. Poi in una ciotola versa la ricotta scolata almeno un paio d’ore e setacciala. Aggiungi lo zucchero a velo,

  2. Zuccotto di pandoro peccato di gola di giovanni 2

    poi la scorza grattugiata di un’arancia e il cioccolato sminuzzato. Mescola bene il tutto e tieni un attimo da parte. Prendi il pandoro e taglia orizzontalmente la parte in superficie, non ci serve. Dopodiché – con un coltello a sega – taglia 4 fette, sempre nello stesso senso, ad uno spessore di circa 1,5 cm. Posiziona la prima fetta, quella più piccola, all’interno di uno stampo per zuccotto da 12 cm. 

  3. Zuccotto di pandoro peccato di gola di giovanni 3

    Taglia a metà le altre due fette e incastra le punte con quelle della fetta riposta nello stampo. Al bisogno rifila i pezzetti per ottenere una forma precisa. Quindi pareggia anche i bordi utilizzando il coltello e versa nel mezzo la crema.

  4. Zuccotto di pandoro peccato di gola di giovanni 4

    Coppa l’ultima fetta di pandoro, quella che è più grande per intenderci, e sistemala nello stampo. Schiaccia delicatamente affinché si compatti il tutto.

  5. Zuccotto di pandoro peccato di gola di giovanni 5

    Copri e lascia riposare in frigorifero per una mezzora. Trascorso il tempo ribalta lo zuccotto di pandoro su una gratella con sotto un piatto e utilizza la bagna al rum per inzuppare, pochissimo, la superficie. Tieni in disparte e occupiamoci infine della ganache al cioccolato. Sminuzza quest’ultimo finemente e mettilo a sciogliere a bagnomaria.

  6. Zuccotto di pandoro peccato di gola di giovanni 6

    Fuori dal fuoco versa la panna sul cioccolato sciolto e mescola bene affinché la ganache si rassodi. Glassa il dolce e finalmente è pronto.

  7. ricetta zuccotto di pandoro peccato di gola di giovanni 2

    Se vuoi tienilo mezzora in frigo prima di servire lo zuccotto di pandoro!

I consigli di Giovanni

·      Al posto della bagna al rum puoi utilizzare parte del succo dell’arancia di cui hai grattugiato la scorza;
·      È importante lasciar scolare la ricotta in frigorifero per almeno un paio d’ore affinché il ripieno non risulti troppo morbido;
·      Se tieni lo zuccotto di pandoro per più tempo in frigorifero, prima di glassarlo, lascialo fuori dal frigo per una decina di minuti prima di versare in superficie la ganache.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.