Crea sito

Sartù di riso

Il sartù di riso è una ricetta tipica della cucina campana, è una ricetta molto elaborata a base di riso che poi viene condito con ogni ben di Dio. La versione che propongo è quella classica del sartù di riso, tuttavia ne esistono di svariate versioni da quella in bianco a quella “quello che ci metti, quello ci trovi

L’eredità di questo nome è di origine francese, dal termine surtout di cui i napoletani hanno trasformato in sartù.
La storia narra che nelle case dei nobili napoletani che risiedevano al centro storico i cuochi (tra napoletani e francesi) ogni giorno entravano in sfida per presentare piatti originali ai Signori e poichè il riso è molto più amato dai francesi, i cuochi napoletani non erano soliti guardare questi piatti a base di riso senza metterci una nota personalissima.

Questo eccedere in ogni forma, misto al buonissimo sapore diede il nome a questo esperimento.

Inoltre è giusto ricordare che già ai tempi di Cavalcanti pare che i timballi di riso portassero questo nome.

Ingredienti:
500gr di riso, 100 – 150ml di salsa di pomodoro già cotta, 4 salsicce, 300gr di polpettine, 150gr di piselli già cotti, 50gr di pancetta a cubetti, 2 – 3 uova + qualche uovo sodo per decorare, 200gr di provola a pezzetti, 100gr di salame a pezzetti, 100gr di parmigiano grattugiato, burro, pan grattato, sale, pepe.

[banner network=”adsense” size=”336X280″ type=”default”]

Preparazione:
Il sartù di riso può essere preparato con molto anticipo cominciando dalle polpette, che trovate spiegate in questa ricetta.
Successivamente bisogna preparare le salsicce, preferibilmente cotte nel ragù napoletano.
A questo punto cuocete il riso per dieci minuti in acqua bollente e salata, cotto nel tempo descritto scolate per bene e poi aggiungete la salsa, che in totale sono circa 2 mestoli non troppo pieni, e poi le uova, una parte del formaggio e il pepe e mescolate per bene.
Imburrate uno stampo e passateci il pan grattato, a questo punto nel ruoto versate una parte di riso e create un rivestimento all’interno del quale aggiungerete tutti gli ingredienti che avrete mescolato insieme, vale a dire: salsicce sbriciolate, polpettine, qualche cucchiaiata di piselli e pancetta, provola e salame e infine chiudete con il restante riso.
Prima di cuocere in forno a 210° per una ventina di minuti spolverate con il restante parmigiano e dei fiocchetti di burro.
Una volta cotto il sartù di riso lasciatelo riposare fuori dal forno per un quarto d’ora e poi con delicatezza estraetelo dallo stampo direttamente sul piatto di portata guarnendo con altre polpettine, piselli e pancetta e qualche fetta di uovo sodo.
Per le uova sode leggete qui.

[banner]

1) gli ingredienti in generale
1) gli ingredienti in generale
2) scottate i piselli con la pancetta
2) scottate i piselli con la pancetta
3) mescolate salsa e uova al riso
3) mescolate salsa e uova al riso
4) create un involucro con il riso
4) create un involucro con il riso
5) mischiate tutti gli ingredienti
5) mischiate tutti gli ingredienti
6) farcite e ricoprite con il riso
6) farcite e ricoprite con il riso
7) il sartù di riso pronto
7) il sartù di riso pronto

8) il sartù di riso pronto
8) il sartù di riso pronto

Pubblicato da Giovanni Castaldi

Giovanni classe 86, sono un partenopeo doc, con la grande passione per la cucina! Adoro sperimentare dal dolce al salato indistintamente e ho questo piccolo spazio dove condivido le mie ricette. Segui anche le mie video su Giallo Zafferano!

51 Risposte a “Sartù di riso”

  1. Che buono, quanto mi piace! L’ho mangiato una volta a Napoli e ricordo che mi era piaciuto tantissimo. Mi segno la ricetta! Ciao, Giovà 🙂

  2. Io amo il sartù….è una bomba di calorie, ma…una volta all’anno lo mangio 🙂 da noi per tradizione si fa il martedì grasso…ed è un pò diverso!! 🙂 Ottimo anche questo! Buona giornata Gio!!

    1. @ Caty, ah anche da voi? come lo farcite? sono curioso *__* ad ogni modo hai ragione è una bomba però ne vale la pena 😀 ahahahah bacio

  3. anch’io ho provato una ricetta simile ma la chiamo bomba di riso!!!…purtroppo il risultato non è venuto così bello !!!…mi si è rotto a metà …forse perchè non ho aspettato che si raffreddasse!!!(avevo fame!!!)…… ora proverò la tua ricetta!!!
    complimenti!!!!
    ciao e buona settimana

    1. @ Maria Elena, ah che peccato 🙁 però che importa anche spaccato resta FANTASTICO 🙂 cmq il termine bomba è appropriato 😀 hahahahah buona settimana

  4. uuuuuuuuhhhhhhhhhh quanto mi piace!!!!aspettavo di vedere la tua versione si…da buon napoletano!!!!!e non potevo chè rimanere sbalordita…..perfetto,ripienosissimo,fantastico!!!!!bravissimo caro……un pezzetto per me!!!!bacioni giova

    1. @ Cristina, hahahahahaha grazie mille cara 🙂 mi fa tanto piacere che ti piaccia! un pezzetto? ma anche due 🙂 bacione

  5. spazialeeeeeeeee………finalmente me l’hai postata la ricetta del sartù………….bravo anche nella descrizione della ricetta………poi è un piatto leggero di quelli che piacciono a me 🙂 🙂 🙂 !!!bravo giovanni e bacionazzi!!!!!Raffaella

  6. Ciaooo che meraviglia questa nostra ricetta hihihihi deliziosa bravissimo ti è venuto super bene!Buona settimana ciao

  7. Heilà, Giovanni!!! Ma che meraviglia di ricetta è questa, alla prossima cena con gli amici devo assolutamente farla!!!Li stendo tutti con una fetta di sartù!
    Un bacione
    Ivana

  8. Sinceramente non ho mai assaggiato il sartù di riso ma la ricetta mi ha sempre ispirato! Grazie per aver pubblicato la ricetta…magari è la volta buona che provo a prepararlo: non sembra difficile 🙂 ciao e buona serata

    1. @ Luise, nono difficile per niente solo un po’ lungo 🙂 ma puoi portarti avanti facendo qualcosa il giorno prima 🙂 un abbraccio

    1. @ Malù, grazie carissima 🙂 si è la versione originale, senza eccessi, senza limitazione, è esatta al punto giusto 🙂 bacione

  9. si quello che ci metti quello ci trovi 🙂 come diceva mia nonna per il dolce ed è vero, gustosissimo napoletanizzato sartù 🙂 io lo faccio raramente ma è molto buono, ciaoo

    1. @ Vicky, sai quando l’ho preparato c’era nonno a casa e gli ho chiesto cosa ci mette lui e mi ha risposto proprio così “chell che ce miett, chell ce truov” 🙂 🙂 baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.