Pizza di scarola

Nel periodo di Natale ogni città ha le sue istituzioni, e la cucina campana, devo ammettere, ne vanta un bel po’. Vi racconterò perciò la storia della pizza di scarole. Durante la giornata della Vigilia, in attesa del gran cenone, tutti sono di corsa per fare gli i regali ma soprattutto per essere sicuri che al gran cenone sia tutto in ordine. Per evitare però gli sprechi, la mamma napoletana, consiglia di non mangiare troppo a pranzo, così al cenone si può gustare tutto e più volentieri. Ma allora per pranzo cosa si mangia? Un bel pezzo di questa buonissima pizza di scarola. Una leccornia! Forse una delle poche pizze napoletane ad essere bella spessa, con un ripieno a base di scarola, che è tipicamente amara, che viene mitigata dall’uvetta e dai pinoli, mentre olive nere e acciughe la rendono unica.
Avete mai provato la pizza di scarola? Se la risposta è no, è arrivato il momento per farlo!

Ingredienti per  circa 1 kg di impasto:

 200 g di farina 0, 400 g di farina 00, 360 g di acqua a temperatura ambiente,  4 g di lievito disidratato, (oppure 14 g di lievito fresco), 60 g di olio di semi, 10 g di sale.

Per condire:

2 cespi di scarole ricce, qualche oliva nera snocciolata, qualche filetto di alici sottolio, 2 cucchiai di uvetta, 1 2 cucchiai di pinoli, un filo d’olio extravergine d’oliva, un pizzico di sale, 1 spicchio d’aglio, 1 peperoncino fresco.

 

Pizza di scarola

 

Preparazione della pizza di scarola:

  • Per prima cosa preparate l’impasto della pizza, quindi in un recipiente lavorate la farina 0 e la farina 00 insieme con il lievito disidratato, l’olio, il sale ed infine l’acqua a temperatura ambiente.
  • Impastate con le mani fino a quando gli ingredienti non saranno sufficientemente amalgamati tra loro per poi trasferire il composto sulla spianatoia e impastate con le mani, se servisse, aggiungendo un pizzico di farina.
  • Dopo almeno 5 minuti di lavoro potrete arrotolare l’impasto fino ad ottenere una palla che verserete in un recipiente leggermente infarinato e coprirete con pellicola trasparante e lasciate lievitare sottocoperta, o in forno con luce accesa, per un paio d’ore.
  • Trascorso il tempo mettete l’impasto in frigorifero per 8 – 12 ore.
  • Il giorno dopo riprendete l’impasto, sgonfiatelo,date una piega e lasciatelo riposare a temperatura ambiente per altre 2 ore.
  • Nel frattempo lavate le scarole e ripassatele in un tegame abbastanza capiente insieme ad un filo d’olio extravergine d’oliva, lo spicchio d’aglio ed il peperoncino; a fine cottura lasciate raffreddare ed eliminate l’aglio.
  • Dividete l’impasto della pizza in due metà, e una di queste stendetela a mano in una teglia ben unta.
  • Sulla superficie sistemate le scarole lasciando circa 1 centimetro dai bordi, poi adagiate anche le olive nere snocciolate e tagliate a metà, qualche filetto d’alici sottolio spezzettato a mano, l’uvetta e i pinoli.
  • Infine coprite con l’altro strato di pasta pinzando per bene i bordi e lasciate riposare per 30 minuti, a temperatura ambiente, la vostra pizza con le scarole.
  • Preriscaldate il forno a 200° e quando sarà a temperatura infornate la pizza che avrete punto in superficie con una forchetta e successivamente unto con un po’ d’olio; infine cuocete per circa 20 minuti.
  • Aspettate qualche minuto prima di servire la vostra pizza con le scarole ancora fumante.

 

Qualche consiglio:

se qualcuno degli ingredienti del ripieno non fosse di vostro gradimento potete eliminarlo;
le ore di lievitazione consentiranno all’impasto della vostra pizza di scarola di essere soffice ed altamente digeribile tuttavia, se preferite, potete ridurli lasciando lievitare al caldo.

 

Restiamo in contatto!
Iscriviti sul mio canale di YouTube e se vuoi condividi anche con le tue cerchie di Google Plus ti aspetto! 🙂

Be Sociable, Share!

One Comment

  1. Eccola lei!!!splendida,buonissima,la tua è perfetta giova

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.