Pesto alla genovese vegan

Si fa presto a chiamarlo pesto! Basta metterci le foglie di basilico, l’olio, la frutta secca e via. Eh no, altrimenti è una salsa al basilico e basta. Questo qui è un pesto alla genovese vegan. Gli ingredienti sono praticamente gli stessi fatta eccezione per il parmigiano reggiano che stavolta lascia il posto al tofu. Niente mortaio ovviamente ma solo mixer, sarà super veloce, altrettanto gustoso e che rispetta il più possibile la tradizione. Gli amanti del pesto classico non ne risentiranno, te lo posso garantire. Anzi, stupirai tutti con questa idea facile, squisita ma soprattutto perfetta per tutta la famiglia, visto che è veg e senza lattosio.
Non ti resta che preparare il pesto alla genovese vegan, fammi sapere che ne pensi!

 

Ingredienti per 4 persone:

65 g di basilico (circa 55 g di foglie),
30 g di tofu al naturale,
20 g di mandorle pelate,
100 g di olio extravergine d’oliva,
un pizzico di sale grosso.

 

ricetta pesto alla genovese vegan, peccato di gola di giovanni

 

Preparazione del pesto alla genovese vegan:

  • Per cominciare pulisci accuratamente il basilico. È sufficiente spennellarlo o pulirlo con una pezzuola leggermente inumidita. Se vuoi puoi anche sciacquarlo, fai sotto un getto sottilissimo di acqua fresca e non lasciarlo in ammollo, infine asciuga. Stacca tutte le foglie e mettile nel mixer. Poi taglia a cubetti il tofu e versalo nel frullatore.

pesto alla genovese vegan, peccato di gola di giovanni 1

  • Aggiungi le mandorle, l’olio extravergine d’oliva, una presa di sale e aziona le lame in modalità pulse, vale a dire a scatti ripetuti. In questo modo le foglie frulleranno senza annerirsi.

pesto alla genovese vegan, peccato di gola di giovanni 2

  • Alla fine otterrai una salsa compatta ma fluida. Ecco pronto il tuo pesto alla genovese vegan, non ti resta che utilizzarlo.

 

ricetta pesto alla genovese vegan, peccato di gola di giovanni 2

 

Qualche consiglio:

se il tuo composto risultasse troppo denso puoi aggiungere ancora un po’ d’olio;
io ho scelto le mandorle, sono molto gustose, ma in alternativa puoi utilizzare i pinoli come da tradizione o le nocciole per un risultato più gustoso;
ricorda che se vuoi conservare il pesto alla genovese vegan è importante che l’olio copra con almeno 1 cm il composto, inoltre è importante che tra il tappo e la superficie ci sia un altro centimetro di spazio;
in alternativa puoi congelare il pesto e riutilizzarlo al bisogno.

 

Restiamo in contatto!
Iscriviti sul mio canale di YouTube e se vuoi condividi anche con le tue cerchie di Google Plus ti aspetto! 🙂

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.