Patate e peperoni cruschi

Da sempre – in Italia soltanto dopo il XV secolo – le patate sono tra gli ingredienti alla base dell’alimentazione povera e tra le maggiori protagoniste della cucina mediterranea. Ricche di proprietà, le patate passano abilmente da contorno da fare al forno fino ai primi piatti, specialmente nella cucina del sud con la famosa pasta e patate (mix di carboidrati pazzesco e irresistibile!).

È chiaro che fritte le patate sono sempre il comfort food dei più, anzi no il vero peccato di gola, eppure, ti dirò, all’insalata – quindi bollite e condite – non sono nemmeno male. Ma se una volta lessate le patate le ripassassimo un attimo in olio? Eh, ecco qui. La ricetta del giorno ha proprio questa caratteristica e porta il nome di patate e peperoni cruschi.

Chi non dovesse conoscere questi particolari pomodori, deve sapere che vengono dalla Basilicata, sono essiccati e per renderli cruschi bisogna ripassarli qualche minuto in olio. Sono gustosissimi e la tradizione contadina ha consentito di avere piatti, oggi molto diffusi nella Lucania, a base di uova e di pasta.

Il contorno di patate e peperoni cruschi è semplicissimo quanto gustoso, accompagnerà qualunque tipo di carne o pesce o potrà essere servito anche in compagnia di altre verdure o legumi. Del resto non bisogna dimenticare che i carboidrati presenti nelle patate possono essere considerati come equivalenti di pane o pasta. Porta in tavola la tradizione, cucina anche tu patate e peperoni cruschi e scoprirai quanta bontà c’è dietro una ricetta così semplice.

Intanto ti ho parlato della mia ricetta delle patate e peperoni cruschi, adesso aspetto le tue foto taggandomi su Instagram e utilizzando l’hashtag #giovannicastaldi.

A presto!
Gio’

ricetta patate e peperoni cruschi peccato di gola di giovanni
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Ore
  • Tempo di cottura2 Giorni 2 Ore
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 kgPatate
  • 50 gPeperoni cruschi
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale fino

Preparazione

  1. Patate e peperoni cruschi peccato di gola di giovanni 1

    Per preparare l’insalata di patate e pereroni cominciamo dai tuberi. Dopo aver sciacquato le patate immergile in una pentola capiente e piena d’acqua fresca. Accendi il fornello e dal momento del bollore conta dai 30 ai 50 minuti, a seconda della grandezza e di quanto sono maturi i tuberi. Lascia sobbollire e di tanto in tanto pungi le patate con i rebbi di una forchetta, quando questi entreranno facilmente nel cuore delle patate allora saranno pronte. Una volte cotte scolale, passale velocemente sotto acqua fresca e poi spellale ancora caldissime. Sarà più facile sbucciarle. Falle raffreddare e poi tagliale a fette spesse.

  2. Patate e peperoni cruschi peccato di gola di giovanni 2

    Nel frattempo passiamo ai peperoni cruschi. Con un tovagliolo, o un canovaccio, inumidito vai a grattare via lo sporco presente in superficie, specialmente nelle cavità. Quindi taglia a pezzetti i peperoni con le forbici e sbatti delicatamente la parte dove c’è il picciolo: lì ci sono molti semi. 

  3. Patate e peperoni cruschi peccato di gola di giovanni 3

    Passiamo alla loro cottura. Versa dell’olio in un pentolino e lascialo scaldare qualche istante prima di tuffare i peperoni cruschi. Lasciali dorare per bene facendo moltissima attenzione che non brucino: tieni sempre controllata la temperatura. Poi metti da parte i peperoni e nel condimento, che puoi anche trasferire in una padella più larga, versa le patate e falle insaporire per pochi istanti. Spegni, aggiungi i peperoni e mescola.

  4. Ecco, patate e peperoni e cruschi sono pronti, buon appetito!

I consigli di Giovanni

·      Ogni personalizzazione è ben accetta per la ricetta di patate e peperoni cruschi, per esempio una macinata di prezzemolo o di rosmarino per colorare e profumare, olive nere o verdi per insaporire ulteriormente, e perché non delle briciole di pangrattato grosso tostato in padella.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.