Crea sito

Cotechino con le lenticchie

È la notte più attesa di tutto l’anno, l’aria è di festa e non siamo noi a volerlo, c’è qualcosa che sta per cambiare! Il vecchio viene riposto nella scatola dei ricordi, ci ha già lasciato molte eredità buone o meno che siano stato. Il nuovo invece è arrivato prima in punta di piedi e poi ora è pronto ad esplodere! La notte di San Silvestro è proprio la notte di transizione sin dai tempi più antichi.


Da nord a sud, come i latini insegnarono, non può mancare il vero sinonimo dell’abbondanza le lenticchie. Ma quello che poi nel tempo ha fatto la differenza è stato l’aggiunta di un particolare insaccato. Sto parlando del cotechino, una sorta di salsiccia modenese molto ricca, che raccoglie differenti pezzi di carne di maiale e che vengono poi impastati e avvolti nel budello. Difatti è la sostanziale differenza che c’è con lo zampone, il cui composto è praticamente lo stesso, ma viene usato per riempire, appunto, la zampa dell’animale.


Cotechino e lenticchie è perciò diventato uno dei piatti simbolo della notte di fine anno, va servito rigorosamente allo scoccare della mezzanotte mentre partono i primi auguri, il brindisi e c’è chi è intento ad affettare il panettone e il pandoro o a scartocciare una porzione di struffoli! Insomma, che piaccia o no, è tradizione che un pezzetto assieme ad una generosa porzione di lenticchie vengano consumati proprio da tutti. Le lenticchie portano soldi!
Per i più golosi e quelli che amano reinventarsi in cucina, la ricetta del cotechino con le lenticchie è diventato anche sinonimo di innovazione. Basti pensare ai cappellacci di pasta fresca, il risotto e persino nella versione succulenta in crosta di patate e perché non in abbinamento di verza e purè. Ce n’è davvero per tutti i gusti!


Intanto ti ho parlato della ricetta del cotechino con le lenticchie, adesso aspetto le tue foto taggandomi su Instagram e utilizzando l’hashtag #giovannicastaldi. A presto e tanti auguri di buon anno! Gio’

  • DifficoltàMedio
  • CostoAlto
  • Tempo di preparazione50 Minuti
  • Tempo di cottura2 Ore
  • PorzioniDosi per 6 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per il cotechino

  • 500 gCotechino (fresco)
  • 1 costaSedano
  • 1Carote (grande)
  • 1Cipolle dorate (grande)
  • 10Pepe nero in grani
  • 5Bacche di ginepro
  • 2Chiodi di garofano
  • 1 fogliaAlloro

Per le lenticchie

  • 200 gLenticchie secche
  • 1 costaSedano
  • 1Carote
  • 1Cipolle dorate
  • 1 spicchioAglio
  • 1 fogliaAlloro
  • 1 ramettoRosmarino
  • Sale fino
  • Pepe nero
  • Olio extravergine d’oliva

Preparazione

Preparazione del cotechino con le lenticchie

  1. Per preparare il cotechino con le lenticchie cominciamo proprio dall’insaccato. Dopo aver lavato e pulito sedano, carota e cipolla tagliali a tocchetti. Poi raggruppa gli aromi e schiaccia le bacche di ginepro, servirà a far fuoriuscire il profumo. Infine avvolgi il cotechino in un canovaccio pulitissimo.

  2. Attorciglia le estremità come una caramella e poi chiudi con dello spago da cucina. In una pentola molto grande butta le verdure, le spezie e l’alloro. Poi il cotechino

  3. e infine copri con abbondante acqua fredda. Metti il tegame sul fuoco, chiudi col coperchio e porta a bollore. Da quel momento abbassa un po’ la fiamma e lascia cuocere a temperatura dolce per circa 2 ore; se è quello precotto basterà seguire il tempo indicato sulla confezione del cotechino.

  4. Non appena il cotechino è cotto scola, togli il canovaccio e lascia intiepidire dieci minuti prima di affettarlo.

  5. Nel frattempo cuoci le lenticchie. Quindi, dopo averle sciacquate, tuffale in una pentola piena d’acqua fredda, aggiungi l’alloro e porta a bollore. Da quel momento in poi conta circa 30 – 40 minuti e lascia sobbollire. Alla fine della cottura dovranno risultare sode; non salare e scola una volta pronte. In una padella con l’olio aggiungi sedano, carota e cipolla tritati, lo spicchio d’aglio mondato e il rametto di rosmarino. Scalda qualche istante e aggiungi le lenticchie con sale e pepe. Fai insaporire pochi minuti, elimina aglio e rosmarino e spegni la fiamma, copri per lasciare in caldo finché il cotechino non sarà cotto.

  6. Ecco pronto il tuo cotechino con le lenticchie, non ti resta che disporre sul piatto i legumi e poi l’insaccato: buon appetito!

I consigli di Giovanni

il cotechino fresco è davvero insuperabile, tuttavia ce ne sono di confezionati che sono ugualmente buonissimi, i tempi di cottura variano da confezione a confezione, quindi fai riferimento a quella; stessa cosa per le lenticchie, se preferisci puoi utilizzare quelle precotte, la quantità sarà circa il doppio rispetto a quella indicata; ho scelto di lessare l’insaccato con le verdure e le spezie per avere un cotechino con le lenticchie che fosse davvero saporito, ma se preferisci puoi cuocerlo in semplice acqua.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Giovanni Castaldi

Giovanni classe 86, sono un partenopeo doc, con la grande passione per la cucina! Adoro sperimentare dal dolce al salato indistintamente e ho questo piccolo spazio dove condivido le mie ricette. Segui anche le mie video su Giallo Zafferano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.