Casetta di savoiardi

Se da grande non avessi fatto lo chef? Nella realtà avrei fatto il commercialista, con buonissima probabilità visti i miei studi economici. Nella fantasia però devo scavare un bel po’ prima di arrivare alla reale conclusione. Scavando un po’ mi sono ricordato il mio grande amore per le costruzioni e tutto ciò che da bambino ero capace di metter su. Passavo dalle case con le piscine alle macchine fotografiche. Macchine pseudo futuriste e personaggi fantastici. Insomma mi perdevo davvero nelle costruzioni. Mamma mi vedeva già ingegnere. E in effetti l’emozione di progettare qualcosa di unico, come un’abitazione, mi darebbe sicuramente una grandissima soddisfazione. Ma le cose non sono andate proprio così…

Da grande ho fatto altro, è vero ma le passioni non si possono nascondere. E allora ho concretizzato uno dei miei progetti unendo insieme le mie due grandi passioni! È venuta fuori questa casetta di savoiardi, elegante, bellissima e perfetta come centrotavola per le festività natalizie. Lo so, a vederla non sembra proprio una passeggiata. Eppure ti garantisco che non è nulla di impossibile! Un po’ di concentrazione, qualche piccola istruzione che ti ho riportato sia nel testo che fotograficamente e il gioco è fatto.

Per tenere in piedi tutti i savoiardi ho deciso di utilizzare una colla molto particolare, la ghiaccia reale. Asciugandosi farà presa proprio come fosse cemento e il risultato è davvero sbalorditivo! E per un romantico come me il vero surplus è stato aggiungere una bella nevicata di zucchero a velo. Va bene, lo ammetto me ne sono proprio innamorato 🙂

 

Intanto ti ho parlato della ricetta della casetta di savoiardi, adesso aspetto le tue foto taggandomi su Instagram e utilizzando l’hashtag #giovannicastaldi.

A presto,

Gio’

 

ricetta casetta di savoiardi, peccato di gola di giovanni
  • Difficoltà:
    Alta
  • Preparazione:
    50 minuti
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

Ingredienti per la casetta di savoiardi

  • Savoiardi 43
  • Zucchero a velo q.b.
  • Rosmarino q.b.
  • Zuccheri glitterati q.b.
  • Cannella in stecche q.b.

Per la ghiaccia reale

  • Albumi (di circa 2 uova medie) 70 g
  • Zucchero a velo 425 g

Preparazione

  1. Per preparare la casetta di savoiardi la prima cosa da fare è occuparsi della ghiaccia reale. In una ciotola versa gli albumi a temperatura ambiente, spremi 3 gocce di limone e aziona le fruste. Man mano aggiungi lo zucchero a velo un cucchiaio alla volta finché non ottieni un composto compatto e omogeneo.

    casetta di savoiardi, peccato di gola di giovanni 1
  2. Sovrapponi 3 savoiardi e tagliali per ottenere un trapezio la cui base maggiore è di 10 cm e quella superiore di 5,5 cm. Perciò tutto quello che dovrai fare è tagliare i biscotti in obliquo. Ripeti questa operazione per altre due volte: otterrai così 3 trapezi. I primi due ci occorreranno per costruire la facciata e la parte opposto; il terzo dopo. Torniamo alle prime due facce della nostra baita, rispettivamente devono avere 5 savoiardi + quelli del trapezio. Cospargi il primo biscotto con la ghiaccia reale aiutandoti con una spatolina o un coltello e sovrapponi il secondo savoiardo. Schiaccia delicatamente affinché si appiccichi per bene.

  3. Poi prendi il terzo savoiardo e bagnalo con la ghiaccia dopodiché applicalo ai primi due già incollati. Ripeti questa operazione fino ad incollarli tutti compresi il trapezio. Dopodiché trasferisci su un vassoio con carta forno e ripeti. Passiamo adesso a quelli che saranno i blocchi laterali della casa, occorrono 5 savoiardi per parte. Con la stessa tecnica incolla i biscotti e mettili su carta forno; ripeti ancora una volta per la seconda parete. Adesso occupiamoci del tetto 6 per parete da ricoprire. Questa volta i savoiardi andranno disposti uno accanto all’altro e tenuti, sempre con la ghiaccia reale. Metti anche questi su un vassoio e lascia asciugare il tutto. Non posso darti un tempo preciso perché dipende molto dalla temperatura che c’è in casa. Non aver fretta, aspetta finché non noti che la ghiaccia è diventata solida. Per fare una prova se il tutto regge è sufficiente accennare il gesto di staccare i savoiardi: se si staccano allora c’è ancora bisogno di farli riposare. La ghiaccia nel frattempo va coperta con un foglio di carta forno a contatto.

    casetta di savoiardi, peccato di gola di giovanni 3
  4. È finalmente arrivato il momento della composizione della nostra casetta di savoiardi. Cominciamo da una delle due facciate: con un coltello a seghetto incidi la parte centrale per ricavare una porta. Io ho tagliato fino all’attaccatura tra il terzo e il quarto biscotto. Poi recupera le due pareti (quelle formate dai 5 savoiardi) e bagna la base con la ghiaccia, dopodiché adagia su un piatto da portata e fai una leggera pressione per incollare bene; ripeti.

  5. Ora dobbiamo applicare le due facciate (quelle fatte da 8 biscotti, con il trapezio). Per farlo bisogna innanzitutto incollare il punto di congiunzione sulle pareti, dopodiché glassare la base della facciata, proprio come abbiamo fatto per la parete. Applica sul piatto schiacciando leggermente verso la parete e tieni così per qualche istante; poi ripeti. Componiamo adesso il tetto. Ci occorre il terzo trapezio che abbiamo preparato all’inizio e che non abbiamo ancora utilizzato. Incolla i 3 savoiardi, cospargi la base con la ghiaccia e poi applica il triangolo esattamente a metà sulle due travi delle pareti. Prendiamoci una piccola pausa per far asciugare il tutto.

    casetta di savoiardi, peccato di gola di giovanni 5
  6. Cospargi di glassa le sei parti oblique e applica il tetto, quello composto dai 6 savoiardi; prima da un lato e poi dall’altro. Per tenere ben saldo il tutto mi sono aiutato con degli altri savoiardi che facessero da supporto. In questo modo il tetto può asciugare liberamente senza rischiare di scivolare giù. Una volta asciugato il tutto ritorniamo al tetto, sulla parte in alto è rimasto un bel buco. Utilizza la ghiaccia sulle punte dei savoiardi

  7. e poi utilizza altri 2 biscotti ben rifilati e della giusta misura, per chiudere il buco. Ricorda che anche questi due biscotti vanno incollati tra loro. Bene passiamo alla decorazione. Se ti è avanzata della ghiaccia puoi utilizzarla per glassare tutto il tetto. Dopodiché aggiungi qualche dettaglio alpino: sfoglia dei rametti di rosmarino tutto intorno per ricreare un giardino. Poi capovolgi un paio di rametti così faranno da abete. Infine lega con un po’ di cotone colorato dei tronchetti di cannella, ricorderanno i cocci da ardere. Per ricreare l’effetto ghiacciato ho utilizzato dei cristalli di zucchero colorati di azzurro, li ho scoparsi un po’ sul piatto e un po’ sul tetto. Infine il tocco della neve: una bella spolverizzata di zucchero a velo!

  8. Ecco pronta la tua casetta di savoiardi, non è stato poi così difficile vero?

    ricetta casetta di savoiardi, peccato di gola di giovanni 2

I consigli di Giovanni

  • Con la porta che hai ricavato tagliando da una delle due facciate puoi ricreare il camino, basterà tagliare leggermente in obliquo e attaccarlo al tetto con la ghiaccia;
  • Fantasia portami via, il mio modo di decorare è soltanto un’idea, puoi sbizzarrirti davvero;
  • Bella sì e se vuoi anche commestibile, la casetta di savoiardi può essere conservata per un mesetto e consumata quando preferisci, per sicurezza però ti consiglio di acquistare gli albumi pastorizzati!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.