Caprese al pistacchio

Le cose vanno fatte bene. Sempre. È una regola imprescindibile, altrimenti si rischia di avere un risultato che poi non ci piace, non ci soddisfa, e forse, in fondo in fondo, non ci rende nemmeno giustizia. Si rischia di fallire, non con gli altri ma con sé.
Devo ammettere, con la stessa sincerità, che non l’ho sempre pensata così. Anzi, da ragazzo ero esattamente l’opposto. Ma questo è il bello di crescere, di maturare, di diventare prima un uomo e poi un professionista.
Cambiare modo di vedere e interpretare le cose.

Un lavoro lungo, non sempre facile, quasi mai piacevole, ma alla fine ti ritrovi a rivestire questi panni e man mano vuoi che ti stiano proprio bene. Questo è quello che fa la differenza, sempre. C’è chi si accontenta e chi no e io sono diventato uno di quelli che non scende mai a compromessi. Specialmente sul lavoro, specialmente se si tratta dei dolci. Ci vuole un vero amore per la pasticceria, e io ne ho da vendere.

L’amore più grande è quello che ho per la mia terra, le sue origini, le sue innumerevoli tradizioni. Uno dei dolci preferisco è la torta caprese. Un dolce buonissimo nato, racconta la leggenda, per errore. L’aiuto pasticcere mescolò gli ingredienti dimenticandosi però della farina! La torta sembrava persa ormai quando invece si rivelò un vero colpo di fortuna, o di genio. Ho deciso di stravolgere questo grande classico della mia terra, ma non la solita versione senza burro, molto di più! La mia torta caprese al pistacchio, oltre ad avere questo preziosissimo frutto, ha l’impasto di base che non ha il cioccolato fondente ma quello bianco.

Una versione assai golosa che conquisterà te e tutti i tuoi ospiti, proprio come è successo a me. Ogni fette della torta caprese al pistacchio emanerà un piacevolissimo profumo di burro e cioccolato, insieme al pistacchio che oltre a rilasciare il suo sapore delicato tinge di verde il dolce.

Se vuoi rivedere la video ricetta che ho girato per I menù di Giallo Zafferano la trovi su Mediaset Play.

Insomma posso dire che non è stato un errore, la mia torta caprese al pistacchio è proprio così! Perciò ho parlato della mia ricetta, adesso aspetto le tue foto taggandomi su Instagram e utilizzando l’hashtag #giovannicastaldi.

A presto!

Gio’

ricetta caprese al pistacchio, peccato di gola di giovanni
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    40 minuti
  • Cottura:
    40 minuti
  • Porzioni:
    Dosi per uno stampo da 22 cm
  • Costo:
    Alto

Ingredienti

Ingredienti per uno stampo da 22 cm

  • Farina di pistacchi 115 g
  • Pistacchi (sgusciati e senza sale) 30 g
  • Farina di mandorle 55 g
  • Cioccolato bianco 100 g
  • Burro 100 g
  • Uova (circa 4 medie) 220 g
  • Zucchero a velo 150 g
  • Fecola di patate 40 g
  • Lievito in polvere per dolci 5 g
  • Sale fino 1 pizzico

Per decorare

  • Zucchero a velo q.b.
  • Cacao amaro in polvere q.b.

Preparazione

Preparazione della caprese al pistacchio

  1. Per preparare la caprese al pistacchio cominciamo predisponendo le cose basilari. Innanzitutto gli ingredienti freddi del frigo devono essere a temperatura ambiente. Proseguiamo preriscaldiamo il forno, poi imburriamo uno stampo stondato da 22 cm (22 alla base e 24 in superficie). spolverizza con della fecola di patate e tieni in disparte. Sminuzza grossolanamente i pistacchi e poi trita il cioccolato bianco spezzettato nel mixer: mi raccomando aziona per poco tempo perché il motore tenderà a far sciogliere il cioccolato.

    caprese al pistacchio, peccato di gola di giovanni 1
  2. In un recipiente con all’interno un setaccio inizia a setacciare le polveri: quindi la fecola di patate e il lievito, dopo aver stacciato il tutto unisci la farina di pistacchi, quella di mandorle,

    caprese al pistacchio, peccato di gola di giovanni 2
  3. il cioccolato bianco tritato, i pistacchi sminuzzati e infine un pizzico di sale. Mescola con un cucchiaio per uniformare il tutto e tieni in disparte.

    caprese al pistacchio, peccato di gola di giovanni 3
  4. In due recipienti differenti separa le uova. Nel primo lavora gli albumi con metà dello zucchero a velo. Aziona le fruste e ottieni il cosiddetto becco d’uccello: sollevando le fruste dovrai notare l’uncino. Poi, con le stesse fruste, lavora il burro e la restante parte di zucchero.

    caprese al pistacchio, peccato di gola di giovanni 4
  5. Sarà sufficiente mescolare, senza montare il composto. Quindi versa i tuorli e continua a lavorare finché non si saranno completamente amalgamati. Adesso spegni le fruste e ingloba 1/3 alla volta prima le polveri e poi gli albumi.

  6. Continua a mescolare gli ingredienti facendo movimenti dal basso verso l’alto. Infine trasferisci il tutto nello stampo imburrato e infarinato.

    caprese al pistacchio, peccato di gola di giovanni 6
  7. Livella accuratamente il composto con la spatola o come faccio io ruotando lo stampo tra le mani. Infine cuoci il dolce a 170°, in modalità statica, per circa 40 minuti. Non dimenticare di fare la prova stecchino alla fine. Una volta intiepidita la torta capovolgila su una gratella e lasciala raffreddare completamente  prima di trasferirla su un piatto con la parte più larga sul fondo. Cospargi con abbondante zucchero a velo

    caprese al pistacchio, peccato di gola di giovanni 7
  8. e poi, a piacere, guarnisci decorando con i faraglioni di Capri disegnati, e ritagliati, su un cartoncino spolverizzato di cacao.

    caprese al pistacchio, peccato di gola di giovanni 8
  9. La tua torta caprese al pistacchio è finalmente pronta, la affettiamo?

    ricetta caprese al pistacchio, peccato di gola di giovanni 2

I consigli di Giovanni

  • Le mandorle sono molto delicate ed esalteranno il sapore del pistacchio, ma se preferisci puoi anche sostituirle con la stessa quantità di pistacchi oppure con dei sapori più decisi come nocciole e noci;
  • Se vuoi puoi creare un mix di cioccolato bianco e fondente per un risultato un po’ più caratteristico, magari il cioccolato scuro puoi sminuzzarlo grossolanamente anziché triturarlo;
  • Puoi aromatizzare l’impasto della tua caprese al pistacchio grattugiando della scorza di limone oppure con un pizzico di cardamomo in polvere.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.