Brodo vegetale

ricetta brodo vegetale, peccato di gola di giovanni
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    60 minuti
  • Porzioni:
    Dosi per 4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Patate 1
  • Sedano 1 costa
  • Carote 1
  • Cipolle 1
  • Porri 1
  • Pomodori ramati 1
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero in grani q.b.
  • Sale 1 foglia

Preparazione

  1. Per preparare il brodo vegetale cominciamo dalla pulizia degli ortaggi. Vanno lavati molto bene e grattati con una paglietta mai usata prima. È molto importante pulire a fondo la buccia degli ortaggi perché non andremo a pelarle. Quindi procediamo direttamente con il taglio: della patata, della carota (che puoi spuntare, del porro (da cui puoi eliminare le estremità), il pomodoro, il sedano (da cui togliere le estremità) e la cipolla (da mondare). Versa il tutto in una pentola sufficientemente capiente. Aggiungi l’alloro, il sale e il pepe in grani,

  2. e poi riempi con abbondante acqua fredda. Porta sul fuoco la pentola e lascia che raggiunga il bollore, dopodiché abbassa la fiamma e prosegui la cottura per 30 minuti almeno, io preferisco un’oretta. Trascorso il tempo l’acqua si sarà ridotta e avrà cambiato colore a causa delle verdure che avranno scaricato il sapore. Per finire non dimenticare di filtrare il tutto.

  3. Ecco pronto il tuo brodo vegetale, non ti resta che utilizzarlo!

    ricetta brodo vegetale, peccato di gola di giovanni 2

I consigli di Giovanni

  • Non ti resta che scegliere gli ingredienti che preferisci per realizzare il tuo brodo vegetale e ottenerlo del sapore che preferisci, ricorda però che le verdure di stagione sono sempre quelle più indicate;
  • Se ti avanzano dei gambi di altre verdure, quelle che normalmente butteresti, puoi invece conservarli e utilizzarli per preparare il brodo;
  • Occhio alle erbe aromatiche, basilico e prezzemolo per esempio, diventano tossiche se cotte, perciò meglio aggiungerle a fine cottura oppure utilizzarne delle altre;
  • Le spezie invece possono essere utilizzate a tuo piacimento come chiodi di garofano, bacche di ginepro, cannella e perché no, un po’ di zenzero o curcuma freschi!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.