Tiramisù goloso – Ricetta di Iginio Massari

“Ciao zia… oggi passi dalla nonna?”… strano mio nipote non mi scrive quasi mai… e da li mi si è accesa una lampadina…

Il mio nipotino baby chef, anche se ormai non è più baby, e se ha fatto più corsi di cucina di me… finalmente ha deciso di sperimentare anche i dolci… e niente poco di meno che una ricetta del maestro Massari… il Tiramisù Goloso… allora non ci resta che metterci all’opera.

tiramisù-goloso-pf-320x240 Tiramisù goloso - Ricetta di Iginio Massari
  • Preparazione: Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni:

Ingredienti

  • Biscotti Savoiardi già pronti 30

Crema pasticcera

  • Latte intero 250 g
  • Tuorli 100 g
  • zucchero semolato 100 g
  • Amido di mais (maizena) 25 g
  • Baccello di vaniglia 1
  • Scorza di lime

crema tiramisù

  • Crema pasticcera (come da ricetta) 400 g
  • Mascarpone 400 g
  • Panna fresca liquida 400 ml
  • Acqua bollente 30 g
  • gelatina (in fogli o in polvere) 6 g
  • Sfoglie di cioccolato q.b.

bagna al caffè

  • Caffè 100 g
  • Zucchero 100 g
  • Acqua 100 g

Preparazione

Crema pasticcera

  1. preparare-la-crema-pasticcera-320x320 Tiramisù goloso - Ricetta di Iginio Massari

    Per prima cosa mettere una ciotola in freezer. ed una pentola per il bagnomaria sul fuoco.

    Versare il latte in un pentolino ed aggiungere la scorza di lime o di limone, aggiungere i semi della bacca di vaniglia e portare ad ebollizione. In una ciotola a parte mescolate a secco lo zucchero e l’amido: in questo modo si eviterà la formazione di grumi per la crema pasticcera. Versare quindi i tuorli nella stessa ciotola e mescolare con una frusta a mano per amalgamare gli ingredienti: non è necessario montarli in quanto una volta raffreddata la crema riguadagnerà il volume iniziale.

    Quando il latte sarà arrivato ad ebollizione, versarne circa il 20% nella ciotola con i tuorli per stemperare, mescolando energicamente, versare poi il latte rimanente e mescolare, porre il tutto nel polsonetto e posizionare sul bagnomaria. Portare la crema a 92°, basteranno pochi minuti se avete aggiunto il latte ben caldo.

    Trasferire velocemente la crema nella ciotola che avevate raffreddato in freezer per far scendere la temperatura sotto i 50° (in questo modo pastorizzerete le uova). spolverizzare la superficie con lo zucchero semolato e porre a 4° per circa 10 minuti.

Bagna al Caffè

  1. preparare-la-bagna-al-caffé-320x320 Tiramisù goloso - Ricetta di Iginio Massari

    Preparare il caffè con la moka. Mentre raffredda preparare lo sciroppo mettendo sul fuoco 100 gr di acqua con 100 gr di zucchero.

    Versare lo sciroppo nel caffè e far raffreddare del tutto.

Crema tiramisù ed assemblaggio

  1. assemblare-i-tiramisù-320x320 Tiramisù goloso - Ricetta di Iginio Massari

    Prendere l’acqua bollente e sciogliervi la gelatina. Versare nella planetaria il mascarpone e iniziare a lavorare con le frusta alla prima velocità. Aggiungere un pò di panna fresca liquida. Unire la crema pasticcera, lavorare ancora con le fruste, poi versare poi anche la gelatina, quindi versare la restante panna a filo.

    Continuare a lavorare la crema, ci vorranno pochi istanti per avere un risultato liscio, gonfio e cremoso. La crema per il nostro tiramisù goloso è pronta.

    Rivestire il vassoio e la parte esterna di uno stampo da 14 cm (o equivalente rettangolare)  con della pellicola.

    Versare un terzo della crema tiramisù nello stampo, inzuppare i savoiardi nella bagna al caffé e fare uno strato nello stampo. Versare e livellare un terzo della crema, fare un altro strato di savoiardi e chiudere con l’ultimo strato di crema.

    Mettere in frigo per almeno 15-20 minuti.

    Spolverizzare di cacao, togliere lo stampo, posizionare i cioccolatini sul bordo (facoltativi) e servire

Note

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Minion's cake Successivo Batticuore al cioccolato bianco lime e frutti di bosco

Un commento su “Tiramisù goloso – Ricetta di Iginio Massari

  1. Tato il said:

    Amo il tiramisù… è il mio dolce preferito… vedere quella foto e leggere come lo fai, mi fa pensare sempre più che è un’arte.

Lascia un commento