Brioche col Tuppo (A’ Brioscia Cu’ Tuppu)

La BRIOCHE COL TUPPO (A’ Brioscia Cu’ Tuppu) è un tipico dolce siciliano ed è considerata l’eccellenza della colazione sicula, soprattutto nelle estati afose accompagnata dall’immancabile e fresca GRANITA, ma ormai la si può trovare anche tagliata a metà e farcita con il gelato.

Esistono tantissime varianti per realizzare queste bontà sicule ma la ricetta che vi propongo è super collaudata e con un pizzico di attenzione otterrete delle BRIOCHES COL TUPPO che restano morbide e profumate come appena sfornate anche il giorno dopo.

In Sicilia, questo dolce così soffice e che profuma di arancia e vaniglia, è una vera istituzione che dovete provare almeno una volta se vi trovate in vacanza nella mia magnifica terra e poi vi assicuro che vi ritroverete a replicare spessissimo la mia ricetta che amerete fin dal primo morso.

Allora che aspettate? Provatele subito… Ah dimenticavo anche con una deliziosa spalmata di crema al pistacchio o della Nutella sono la fine del mondo e possono essere la merenda perfetta per i più piccoli!

Vedi anche:

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo4 Ore
  • Tempo di cottura12 Minuti
  • Porzioni10 pezzi
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti

Dosi per 10 Bioches col Tuppo.

E’ preferibile che tutti gli ingredienti siano a temperatura ambiente.

Primo Impasto

300 g farina Manitoba
200 ml latte
25 g lievito di birra fresco

Secondo Impasto

200 g farina Manitoba
80 g margarina vegetale
80 g zucchero
2 tuorli
50 ml latte
1 fiala aroma all’arancia (oppure aroma pandoro o scorza grattugiata dell’arancia)
1 fiala aroma di vaniglia
7 g sale

Per spennellare

1 tuorlo
1 cucchiaio latte

Strumenti

1 Planetaria
1 Ciotola

Passaggi

Come preparare la Brioche col Tuppo

Per prima cosa bisogna preparare un pre-impasto, quindi iniziate sciogliendo il lievito di birra in 200 ml di latte a temperatura ambiente, versate nella ciotola della planetaria insieme a 300 g di farina ed azionate, utilizzando il gancio a K, facendo lavorare finché non sarà incordato.

Al termine, fate lievitare l’impasto in un contenitore chiuso con della pellicola trasparente e in forno spento con la luce accesa, circa un’oretta.

Quasi al termine della lievitazione, mettete nella ciotola della planetaria i 200 g di farina, 50 ml di latte, la margarina a temp. ambiente, i tuorli, lo zucchero, il sale, le fialette di vaniglia e arancia, infine l’impasto lievitato precedentemente. Impastate, sempre con il gancio a K, finché l’impasto risulta compatto ed elastico.

Formate una palle e mettete l’impasto in una ciotola, coprite con la pellicola e fate lievitare per 30 minuti.

Riprendete l’impasto e aiutandovi con un tarocco dividetelo in pezzi da 80 g e altri da 15 g che saranno il “tuppo”. Poi lavorate ogni pezzo formando delle palline omogenee.

Adagiate le palline più grandi, ben distanziate, su una leccarda con carta forno e formate al centro un buco, allargandole leggermente con le dita, creando così lo spazio per posizionare la pallina più piccola. Posizionato il tuppo fate una leggera pressione così da farlo aderire perfettamente e non farlo cadere durante la lievitazione.

A questo punto, fate lievitare per un’ora in forno spento ma con luce accesa.

Trascorso il tempo, preriscaldate il forno in modalità ventilata a 170° e spennellate delicatamente le brioches con il tuorlo sbattuto e il latte.

Infornate per circa 10/12 minuti o fino a quando sono ben dorate. Una volta pronte, sfornatele e fate intiepidire prima di consumarle e vi consiglio di coprirle con un canovaccio in questa fase in modo che si ammorbidiscano bene.

Et voilà la vostra BRIOCHE COL TUPPO siciliana è pronta per essere gustata con della granita, del gelato, con la nutella…

Consigli Utili

Potete conservare la BRIOCHE COL TUPPO in sacchetti per alimenti fino a 2/3 giorni a temperatura ambiente o in frigorifero. Potete anche surgelarle così da averle pronte all’occorrenza. In questo caso, fatele scongelare a temperatura ambiente e se gradite potete scaldarle pochissimi secondi al microonde, in entrambi i casi sembreranno appena sfornate.

Potete anche dimezzare la dose di lievito e fare una lievitazione più lunga.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da pasticciandoconilenia

Cucinare è la mia passione... e adoro condividerla con voi! Ricette di casa semplici e gustose alla portata di tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.