Pasta frolla salata in planetaria e non

Come si fa la pasta frolla salata in planetaria

Perchè il nome di questa ricetta è legato alla planetaria ?

perchè davvero questo sistema vi farà avere la pasta frolla salata in meno di 3 minuti ,sporcando solo la planetaria ed evitandovi anche il passaggio in frigo .

Quasi sempre il passaggio in frigo vi serve perchè durante la lavorazione della pasta frolla ( sia dolce che salata) il burro si scioglie e la pasta frolla perde consistenza rendendo indispensabile un passaggio al freddo .

Lavorare invece con la planetaria riduce al minimo questo inconveniente e vi permette di stenderla anche subito .

la pasta frolla salata è semplice da fare e si presta come jolly in un sacco di ricette quindi davvero non potete non segnarvi subito le dosi .

Siete pronti a pasticciare?

 

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    5 minuti
  • Porzioni:
    2 crostate salate
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • farina tipo 2 350 g
  • Burro 160 g
  • Pecorino 40 g
  • uova piccole 2

Preparazione

  1. Come in tutte le ricette in cui sono previste le uova a numero vi potrebbe capitare di avere un impasto un pò più sostenuto o asciutto del normale , non vi spaventate basta aggiungere due o tre cucchiai di acqua fredda all’impasto e sarà tutto a posto .

    questo perchè a scarseggiare il questo caso sono i liquidi dell’albume e quindi con un pò di acqua si ripristina la situazione ideale .

  2. Come dicevamo prima questa ricetta prevede l’uso di una planetaria per fare davvero molto in fretta .Vediamo quindi come muoversi in questo caso.

    Mettete il burro freddo di frigo nella planetaria dopo averlo tagliato a tocchettini ,

    aggiungete la farina ,il pecorino e l’uovo ed azionatela con montata su la frusta a K o foglia .

    Vedrete che inizialmente di formerà una sorta di crumble o briciole e dopo pochi secondi l’impasto andrà compattandosi .

    NON aspettate che si formi una palla perchè in quel caso andremo a stimolare la maglia glutinica ( che in una frolla non ci interessa ) e a scaldare troppo il burro .

     

  3. Prendete quindi l’impasto dalla planetaria e compattatelo a mano premendolo semplicemente con il palmo.

  4. SE NON DISPONETE DI PLANETARIA potrete fare tutta l’operazione nello stesso modo ma a mano.

    Versate la farina su un piano o in una ciotola e formate una fontana al centro (un buco ) unite i pezzetti di burro , il pecorino e le uova ed iniziate ad impastare .

    Ci vorrà comunque poco tempo ma il rischio è che con il calore delle mani il burro si sciolga troppo , a quel punto sarà meglio formare un panetto e far frollare il frigo per circa 30 minuti .

    se ti piacciono le pizze rustiche guarda anche questa

Note

Seguimi su Facebook 

Lascia il tuo “mi piace” sulla mia PAGINA FACEBOOK  , ti basterà lasciare il tuo like e selezionare “Mostra per primi” e non ti perderai nessuna mia ricetta .

Seguimi sui miei gruppi

per parlare insieme di cucina in generale cliccando qui

o di pasta madre nello specifico iscrivendoti qui

Su Instagram

Ti basta cliccare qui per seguirmi sul mio profilo e chiacchierare anche lì

Su Youtube

Iscriviti al mio canale per non perdere nessun video sulla panificazione e la pasta madre

Senza categoria
Precedente mafalde siciliane con pasta madre Successivo Pasta fredda con salmone e fagioli rossi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.