Pasta all’amatriciana ricetta originale

Pasta all’amatriciana ricetta originale

A me piace rielaborare alcune ricette, mi piace mettere un mio tocco personale , aggiungere del mio o comunque arricchire i piatti ma… ma ci sono dei classici che non è possibile modificare, a cui nulla si può e si deve levare e nulla si deve aggiungere perchè rasentano la perfezione . Uno di questi piatti è la Pasta all’amatriciana , indimenticabile di suo .

La ricetta  proviene da un paesino in provincia di Rieti e precisamente Amatrice ma oramai è diventata patrimonio  non solo del Lazio ma di tutta l’italia  .Vede numerose modifiche ma sappiate che qualsiasi aggiunta rispetto alla ricetta tradizionale è un’offesa alla cultura laziale .

La ricetta si perde nella storia e nasce addirittura senza pomodoro sotto al nome  di pasta alla gricia   

I pastori delle montagne dell’appennino avevano con se pecorino ,guanciale e (se andava bene dello strutto ) ecco quindi che nasceva cosi la ricetta povera della cultura laziale , solo nel 1700 o giù di lì è stato aggiunto il pomodoro .Vedete quindi che questa ricetta storica prevede solo pochi ingrendienti e nessuna modifica .

pasta ,pomodoro , pecorino e guanciale

Pronti per pasticciare??

Pasta all’amatriciana ricetta originale
  • Difficoltà:Molto Bassa
  • Preparazione:20 minuti
  • Cottura:20 minuti
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • Pasta 350 g
  • Guanciale a cubetti 100 g
  • Pomodori (a pezzi o pelati) 300 g
  • Pecorino romano 50 g
  • Sale q.b.
  • Peperoncino q.b.

Preparazione

  1. Come vedete questa ricetta non prevede grassi aggiunti oltre al guanciale perchè passo fondamentale per ottenere un buon sugo è quello di farlo “sudare bene

    Quindi iniziamo con prendere una bella padella antiaderente ,abbastanza larga per poter saltare poi la pasta

    tagliamo il guanciale (e che non sia pancetta eh ) a listarelle o cubetti e mettiamo sul fuoco a fiamma piuttosto bassa, lasciamo che il grasso si sciolga completamente ,a quel punto potete aggiungere un pezzetto di peperoncino (possibilmente la punta che è meno piccante ) ed il pomodoro . Se usate i pomodori a pezzi unite mezzo bicchiere di acqua, se invece usate i pelati non ci sarà bisogno . Una piccola presa di sale (non abbondate perchè guanciale e pecorino sono già sapidi di loro ) e fate cuocere con un coperchio .

  2. Mettete a scaldare l’acqua per cuocere la pasta e quando arriverà ad ebollizione salate e quando l’acqua riprenderà bollore aggiungete la pasta .

    Cuocete molto al dente, scolando un paio di minuti prima del tempo previsto sul pacco per la cottura del formato scelto

  3. Unite la pasta al sugo ed aggiungete metà del pecorino ed usatelo per mantecare la pasta suo fuoco per un minuto o due

  4. Servite e condite di nuovo con un pò di pecorino appena grattugiato

Precedente Pane con peperoni e alici Successivo Gamberetti cocco e curry con cereali

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.