Pan bauletto vegano semi integrale con cereali

Pan bauletto vegano semi integrale con 7 cereali

Ho provato più volte questa ricetta di Pan bauletto vegano semi integrale con farina 7 cereali ,perfetto per colazione accompagnato da marmellata ma anche per un panino con affettati perchè volevo mettere a punto un pan bauletto che potesse andare bene sia per il dolce che per il salato ,che fosse buono quindi senza essere troppo sapido ma che non avesse un sapore che sovrastasse quello di un eventuale accompagnamento . La farina semi integrale poi tendeva a renderlo pesante quindi ho provato più volte con diverse quantità di liquidi  per avere morbidezza ma compattezza al tempo stesso… spero davvero che questa ricetta soddisfi voi come sta soddisfando da qualche settimana la mia famiglia .

per questa ricetta di Pan bauletto vegano semi integrale con farina 7 cereali ,perfetto per colazione accompagnato da marmellata ma anche per un panino con affettati ci aiuteremo con  il water roux un nome complicato che però indica una preparazione che farete in pochissimo tempo  . Per saperne di più sul water roux potete leggere qui

 

Pan bauletto vegano semi integrale
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30+lievitazione minuti
  • Cottura:
    45 minuti
  • Porzioni:
    2 pan bauletti
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • farina tipo2 forte 450 g
  • farina 7 cereali debole 300 g
  • Lievito madre 200 g
  • water roux (preparato con 40 gr di farina e 200 di acqua) 240 g
  • Zucchero grezzo di canna (o zucchero semolato) 30 g
  • bevanda alla soia (o latte vaccino scremato) 400 g
  • Olio di semi 80 g
  • Sale 3 cucchiaini
  • semi di lino e girasole (per la guarnizione ) q.b.

Preparazione

  1. Pan bauletto vegano semi integrale

    Come al solito vi metterò quella che è la mia tabella di marcia ricordandovi che le tempistiche sono orientative perchè varieranno in funzione della temperatura ambiente e della forza del vostro lievito .

  2. ore 14,00 rinfrescate il lievito madre

    preparate poi il water roux mettendo in un pentolino la farina con l’acqua,scaldate mescolando fino a che non si sarà trasformato in un composto gelatinoso . Coprite con pellicola e fate freddare.

    A questo punto potrete anche avvantaggiarvi mettendo in autolisi la farina con la bevanda alla soia (o latte) ma SOLO se disponete di una farina abbastanza forte . Io per questa ricetta ho usato una con forza W390 , mescolata con una 7 cereali con forza inferiore . Altrimenti potrete impastare direttamente nel momento in cui sarà pronto il lievito madre .

  3. -ore 18,00 il vostro lievito dovrebbe essere pronto ,potete quindi iniziare ad impastare mettendo nella ciotola della planetaria lievito ,farina, bevanda di soia ( o impasto autolitico se lo avete fatto ) e il water roux ed iniziando ad impastare . Unite poi lo zucchero e fate incorporare .

    Il sale e poi l’olio a filo facendolo incorporare man mano nell’impasto e lavorando fino a che non avrete un impasto Ben incordato e liscio .

     

  4. A questo punto trasferite il composto in un contenitore  e fate qualche giro di pieghe in ciotola. Coprite e lasciate riposare a temperatura ambiente -per due ore , poi trasferite due ore in frigo per abbassare la temperatura dell’impasto .

  5. -ore 22,00 è il momento di formare

    spezzate in due la massa e stendete ciascuna parte in forma di rettangolo non troppo sottile , arrotolate e ponete negli stampi da plum cake ( questa dose è per due da 28 cm )

     

  6. Coprite con pellicola e lasciate lievitare a temperatura ambiente per tutta la notte (mi raccomando questa ricetta è per temperature invernali ,se decidete di preparare in estate le ore di lievitazione saranno ridotte quindi rivedete le tempistiche )

  7. Il mattino dopo controllate la lievitazione ,spennellate con bevanda alla soia (o latte ) e cospargete con i semi . cuocete a 160/165 ° per circa 45 minuti . Appena sfornato spennellate nuovamente con latte o bevanda alla soia .

Note

Un paio di riflessioni su questa ricetta

Ovviamente questa è studiata con una farina forte proprio per potervi permettere di fare una unica lievitazione notturna , se non trovate la farina forte di tipo 2 avete davanti due strade o utilizzare una farina 00 forte “tipo manitoba ” o una w350 , oppure usare una tipo 2 più debole ma  abbreviare la lievitazione spostando la lavorazione dalla mattina in modo da avere tutto cotto entro la sera ,in questo caso potrete saltare le due ore in frigorifero .

Potete anche giocare con la quantità di pasta madre perchè questa dose permette la lievitazione lenta nelle ore notturne che sono circa 9

Precedente Pizza parigina con lievito madre (ricetta napoletana) Successivo Ciambella di pane bucoso con lievito madre

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.