Cavatelli rigati

Ciao a tutti, oggi vi propongo i Cavatelli Rigati. La pasta fresca, mi sa’ sempre di domenica, di giorno di festa passato in casa a preparare della buona pasta da portare in tavola per il pranzo. Quanti ricordi che mi legano alla pasta, in particolare però alle fettuccine all’ uovo. La mia infanzia con mia madre e la sua amica Elvira, che la domenica preparavano le fettuccine da gustare poi a pranzo tutti insieme. Gli anni sono passati, io sono cresciuto e con il tempo mi sono appassionato alla pasta fresca fatta in casa. Durante una delle lezioni del corso di cucina che ho frequentato l’anno scorso ho fatto dei Cavatelli Rigati e mi ero ripromesso poi di farli a casa. Ed eccomi qui con la ricetta dei Cavatelli Rigati. Attenzione! Sarà la prima di una serie di ricette di paste fatte in casa. Le festività natalizie si avvicinano e allora bisogna provare, sperimentare per poter portare sulla tavola delle feste, dei piatti davvero buoni e graditi a tutti. Ciao e alla prossima! Un abbraccio a tutti! Fabio.

Cavatelli Rigati

Cavatelli rigati

Ingredienti per 500 grammi di pasta:

250 g di semola di grano duro rimacinata,
130 g di acqua,
1 cucchiaio di olio Extravergine di Oliva.

Procedimento:

In una ciotola, mettete a fontana la semola di grano duro, versate l’acqua poco per volta e lavorate l’impasto a lungo.
Seguendo questo accorgimento otterrete una miglior resa della pasta. Infine aggiungete l’olio per dare quel tocco di elasticità in più all’ impasto. Continuate a lavorare fin quando l’impasto risulterà liscio e mordido. Date la forma di una palla, avvolgetela in pellicola per alimenti e mettere a riposare per una mezz’ora. Riprendete l’impasto, prendetene un pezzo e arrotolatelo ottenendo un serpentone. Tagliare tanti pezzetti grandi quanto degli gnocchetti. Prendere la rigagnocchi e strisciare ogni gnocchetto sulle parte rigata di questo attrezzo, arrotolando su se stesso ogni singolo cavatello. Man mano che li preparate, adagiate i cavateli su di un vassoio cosparso di semola, lasciateli seccare un paio d’ ore e cuoceteli in acqua bollente per 7-8 minuti, o comunque fino a quando risulteranno cotti, scolateli e conditeli con quello che più preferite. Io vi proporrò a breve la ricetta del piatto finito :-). Buon appetito a tutti!

Vi aspetto come sempre sulla pagina Facebook.

2 Risposte a “Cavatelli rigati”

  1. Cavatelli rigati – meravigliosi! La pasta fresca è senza dubbio la migliore soluzione per gustarsi al meglio un bel primo piatto all’italiana. Purtroppo ci vuole del tempo per prepararla e del tempo cè sempre meno, sopratutto in questo periodo pre – Natalizio. Ma, piuttosto di perdermi a chiacchiere con le amiche, oggi faccio anch’io i cavatelli rigati. Mi è rimasto un po’ del ragù di baccalà… , non vedo miglior modo di utilizzarlo.

  2. Ciao grazie mille!! Li hai più fatti poi? Come sono venuti? Con il ragù di baccala sicuramente buonissimi! Fammi sapere. Grazie ancora. Fabio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.