Sarde a beccafico – ricetta palermitana

Le sarde a beccafico, il cui nome deriva dalla forma di un uccello tradizionalmente preparato in agrodolce (così come le sarde a beccafico), è un piatto tradizionale della cucina siciliana, a base di sarde eviscerate e aperte a libro, ripiene di pangrattato, pinoli e uva passa, condite con zucchero e succo di limone.

Nel catanese usano aggiungere al ripieno anche l’uovo per tenerlo compatto e vengono prevalentemente impanate e fritte, chiuse a pacchettino con un’altra sarda.

sarde a beccafico - ricetta palermitana SARDE A BECCAFICO – ricetta palermitana

INGREDIENTI (per 5/6 persone):

  • 1 kg di sarde
  • 150 g di pangrattato
  • 3 cucchiai di pecorino grattugiato o caciocavallo (facoltativo)
  • 2 acciughe sotto sale
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 30 g di pinoli
  • 50 g di uvetta sultanina
  • 2 limoni
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • foglie di alloro
  • sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE DELLE SARDE A BECCAFICO:

Scaldate due cucchiai d’olio in padella, fate sciogliere le acciughe diliscate, unite il pangrattato e fatelo tostare; trasferitelo in una ciotola (tenendone da parte un cucchiaio).

Aggiungete al pangrattato l’uvetta precedentemente fatta rinvenire in acqua tiepida e strizzata, i pinoli, il prezzemolo tritato, il formaggio, sale, pepe ed amalgamate il tutto con cura, aggiungendo, se necessario, altro olio.

Pulite bene le sarde eliminando teste e lische (la coda va lasciata); lavatele, sgocciolatele, stendetele su un piano e salatele.

Su ciascuna sarda distribuite al centro un po’ del composto preparato e arrotolatele (partendo dalla parte della testa) formando degli involtini.

In una teglia unta disponete le sarde a beccafico alternandole con le foglie di alloro e fettine sottili di limone.

Una volta sistemate irrorate le sarde a beccafico con un’emulsione di limone e zucchero; cospargete con il pangrattato rimasto e infornate a 200°C per 15 minuti.

Lasciate intiepidire e servite le sarde a beccafico guarnendo con fettine di limone.sarde a beccafico - ricetta palermitanaVARIANTE: anzichè il limone si può tranquilllamente usare l’arancia.

Se volete seguirmi per restare sempre aggiornati trovate qui la mia pagina Facebook, Twitter e Google+

4 Risposte a “Sarde a beccafico – ricetta palermitana”

    1. Proprio così Elisabetta, la mia ricetta è quella tradizionale! Più avanti pubblicherò la variante catanese, ma preferisco di gran lunga quella palermitana… Ci tengo a sottolineare che non sono di parte. poichè le mie origini sono ennesi! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.