PASTA FREDDA alla siciliana

La pasta fredda alla siciliana è la pietanza ideale per portare in tavola gusto, colore e leggerezza nelle torride giornate estive.

È uno strepitoso e facilissimo primo piatto da preparare in anticipo, perfetto per chi non vuole rinunciare al classico piatto di pasta neanche con il caldo: semplice, fresca e cremosissima!

Questa è la ricetta di Rosanna, una carissima collega di lavoro. La preparò durante una serata organizzata nel suo terrazzo e la sua bontà conquistò tutti. Nella sua semplicità era così squisita che mi ero ripromessa di consigliarla anche a voi.

Quindi, eccomi qua! Ho personalizzato la ricetta di Rosanna con del caviale di basilico per renderla, oltre che buona, più accattivante. Ad ogni boccone un’esplosione di sapore! Ma è assolutamente facoltativo, va benissimo il basilico spezzettato.

Provatela anche voi, magari per il pranzo di Ferragosto o in qualsiasi altro momento, perfetta da trasportare anche in spiaggia.

Preparate la pasta fredda alla siciliana con largo anticipo, la mattina per la sera, ma il giorno dopo è ancora più saporita. Accompagnatela ad altre gustose ricette estive siciliane come la CAPONATA o la PARMIGIANA DI MELANZANE. E, magari, per chiudere in bellezza, servite un fresco dessert come il GELO DI MELONE o la CHEESECAKE ZENZERO E LIMONE.

Pasta fredda alla siciliana V
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo12 Ore
  • Tempo di cottura8 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
84,85 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 84,85 (Kcal)
  • Carboidrati 9,77 (g) di cui Zuccheri 3,80 (g)
  • Proteine 3,38 (g)
  • Grassi 3,61 (g) di cui saturi 1,00 (g)di cui insaturi 0,45 (g)
  • Fibre 0,79 (g)
  • Sodio 257,45 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 100 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

INGREDIENTI

  • 500 gpasta (corta, io ho utilizzato le casarecce)
  • 10 gsale
  • 50 golio extravergine d’oliva
  • 20 fogliebasilico
  • 5 spicchiaglio
  • 1 pizzicopeperoncino in polvere
  • 265 gricotta (grattugiata in modo fine)
  • 50 gcaviale (di basilico – facoltativo)

PREPARAZIONE

Il caviale di basilico, assolutamente facoltativo, è una semplicissima preparazione e QUI troverete il facilissimo tutorial.
Lo si può fare durante il riposo della pasta perché va inserito al momento di servire o poco prima. La sua presenza non esclude l’uso del basilico fresco, che ha lo scopo di aromatizzare il condimento.

IL CONDIMENTO

  1. Tagliate i pomodorini a metà, o in quattro parti se più grossi, e trasferiteli in una ciotola capiente

  2. Sbucciate gli spicchi d’aglio (circa uno a persona) e uniteli al pomodorino lasciandoli interi.

    L’aglio ha il solo scopo di aromatizzare il condimento, perciò va eliminato prima di condire la pasta.

  3. Condite i pomodorini con il sale, l’olio, il peperoncino e le foglie di basilico spezzettate.

    Dopo aver mescolato il condimento coprite la ciotola con un coperchio o pellicola per alimenti. Riponete in frigorifero a macerare.

    Così il pomodoro rilascerà la sua acqua di vegetazione, utile per formare la cremina.

COTTURA DELLA PASTA

  1. Cuocete la pasta in acqua bollente leggermente salata tenendola al dente.

    Scolatela e versatela nella ciotola con il condimento. Mescolate con cura e rimettetela coperta in frigorifero a raffreddare, fino al momento di servirla.

  2. La pasta fredda alla siciliana è eccezionale già così ma, per dare un tocco personale ed elegante, servitela con il caviale di basilico. Sono sicura che anche voi apprezzerete questo facilissimo e fresco piatto estivo!

Pasta fredda alla siciliana V1

TRUCCHI E CONSIGLI

Per eliminare e ritrovare facilmente l’aglio infilzate gli spicchi con uno stuzzicadenti.pasta fredda 2

Per evitare di ottenere una pasta molto sapida prima di condire i pomodorini assaggiate la vostra ricotta salata e, di conseguenza, regolatevi con il sale del condimento e dell’acqua di cottura della pasta.

Il trucco per una pasta gustosa, non unta e non attaccata è cuocerla al dente, 2 minuti in meno del tempo consigliato sulla confezione. Fermate la cottura con un getto d’acqua fredda e dopo averla scolata mescolatela subito con un po’ d’olio.

L’acqua di vegetazione del pomodoro è molto utile per la cremosità del condimento. Eventualmente, per regolarne la cremosità ed evitare di aggiungere altro olio, unite del pomodorino frullato finemente.

La cremosità più o meno fine del condimento dipenderà molto dalla grana della ricotta salata.

CONSERVAZIONE

Se vi avanza della pasta conservatela in frigo fino a 2 giorni.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.