MACCU FRITTO – specialità siciliana

Il maccu fritto, originariamente nato come piatto di recupero, oggi rappresenta uno sfizioso antipasto rustico molto richiesto nei ristoranti tipici di cucina siciliana, croccantissimo fuori e cremoso dentro.

Le nostre nonne non buttavano via niente in cucina e quando avanzava il maccu di fave, piatto unico povero ma nutriente, piuttosto lo rielaboravano con semplicità dando vita a questa prelibatezza.

La ricetta è semplicissima e potete decidere di prepararla in anticipo, appositamente per un buffet di antipasti tipici, come la FRITTEDDA, o prepararne in più quando cucinate il MACCU DI FAVE.

Per ottenere i quadrotti di maccu, una volta pronto dovrete trasferirlo in una teglia o pirofila, livellarlo e farlo raffreddare completamente. I miei erano piuttosto grandi ma, se formate dei cubetti saranno perfetti come finger food.

Seguite il procedimento, vi svelerò tutti i miei trucchetti per un’ottima riuscita. Vedrete, finirà in un batter d’occhio e anche chi è solito storcere il naso di fronte a questi legumi primaverili si leccherà i baffi.

Avete già provato la FRITTATA DI FAVE CON PISELLI E CARCIOFI?

maccu fritto V/'21
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • Porzioni16 pezzi
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana
251,05 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 251,05 (Kcal)
  • Carboidrati 33,05 (g) di cui Zuccheri 1,84 (g)
  • Proteine 7,78 (g)
  • Grassi 10,03 (g) di cui saturi 1,68 (g)di cui insaturi 6,12 (g)
  • Fibre 4,01 (g)
  • Sodio 181,63 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 100 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

INGREDIENTI

Per il maccu di fave

  • 300 gfave (senza tegumento – fresche o secche)
  • 1cipollotto
  • 10 gfinocchietto selvatico
  • 1peperoncino
  • 2 cucchiaiolio extravergine d’oliva

Per la frittura

  • 100 gfarina di semola di grano duro rimacinata
  • 200 gacqua
  • 300 gpangrattato
  • 1 lolio di arachide
  • 1 pizzicosale

COSA TI SERVE

  • Tegame
  • Ciotola
  • Coltello
  • Cucchiaio di legno
  • Piatto
  • Teglia cm 22×22
  • Forchetta
  • Tagliere
  • Tegamino
  • Carta assorbente

PROCEDIMENTO

Innanzitutto, per preparare il maccu fritto, come detto prima, occorre preparare in anticipo il MACCU DI FAVE, del quale trovate QUI il cui procedimento. Si deve preparare almeno 2 ore prima o, ancora meglio, potete utilizzare gli avanzi del giorno prima.
Infatti, è necessario che il maccu che dovrete friggere sia ben compatto e freddo.

COME FARE I QUADROTTI DI MACCU

  1. maccu in teglia

    A tal proposito, una volta che il maccu di fave è pronto bisognerà trasferirlo in una teglia quadrata o una pirofila, in modo da ottenere uno spessore di circa 2 cm.

    Livellate il maccu con il cucchiaio e fate raffreddare dapprima a temperatura ambiente a temperatura ambiente scoperto, poi, in frigorifero coprendo con pellicola.

  2. quadrotti di maccu

    Dopo un’ora il maccu sarà già abbastanza freddo e compatto, quindi, rovesciatelo su un tagliere e dividetelo un quadrotti più o meno grandi, a seconda delle vostre esigenze.

    Così come si trova trasferite il maccu in freezer per circa un’ora.

  3. panatura maccu

    Nel frattempo, preparate il necessario per la panatura.

    In una ciotola versate la farina e l’acqua poco alla volta, mescolando ed eliminando i grumi. Tenete in frigo fino al momento dell’uso.

    In un piatto piano sistemate il pangrattato.

  4. Intanto, versate l’olio nel tegamino e portatelo ad una temperatura di 180°C.

    Il tempo di riposo in freezer è importante perché permetterà lo choc termico, che vi garantirà un fritto asciutto e croccante.

  5. panatura maccu 1

    Dopo il riposo in freezer riprendete il maccu e, un pezzo alla volta, immergetelo con una mano nella pastella, sgocciolate l’eccesso, poi, passatelo nel pangrattato.

    Con l’altra mano ricoprite interamente la superficie del maccu con il pangrattato, premendo e compattando delicatamente.

  6. Continuate allo stesso modo per tutti i quadrotti di maccu.

LA FRITTURA

  1. Controllate la temperatura dell’olio. Se non avete un termometro verificate facendo cadere qualche briciola di pangrattato. Questa dovrà sfrigolare formando delle bollicine attorno, oppure inserite la punta di uno stuzzicadenti.

  2. frittura maccu

    Friggere il maccu inserendo pochi pezzi alla volta e rigirando ogni tanto con una paletta per fritti, fino a che si dorino in modo uniforme.

  3. Ricordate di non utilizzare utensili appuntiti per evitare di bucare i quadrotti e compromettere la riuscita della frittura.

  4. Servite il maccu fritto ancora caldo con un pizzico di sale in superficie. Vedrete come verrà spazzolato… Croccante fuori e morbido dentro!

CONSIGLI

Il maccu fritto, come tale va consumato subito e ancora caldo. Tuttavia, se ne dovesse avanzare può essere conservato fino a 1 giorno in frigorifero e scaldato in forno tradizionale o in microonde per pochi minuti.

Ovviamente può essere preparate anche con le fave secche reidratate e aromatizzato con semi di finocchietto o altre verdure spontanee.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.