Caponata siciliana

La caponata siciliana… chi non ha mai assaporato questo trionfo di sapori?!

Ortaggi appena raccolti.. non potevo che preparare questo piatto, che puo’ essere considerato un ottimo antipasto o contorno.

La Sicilia, nel corso dei secoli, ha subito talmente tante influenze di popoli diversi che la preparazione varia da provincia a provincia e, a volte, anche da famiglia a famiglia.

La ricetta tradizionale non prevede l’uso delle patate, ma mamma la faceva sempre così (come anche nel catanese) ed io continuo a prepararla come faceva lei perchè mi piace tantissimo!

1173872_565427076837329_1956434571_nCAPONATA SICILIANA

INGREDIENTI:

  • 2 melanzane
  • 4 peperoni
  • 1  cipolla grossa
  • 3 patate
  • 3 coste di sedano
  • 1 spicchio d’aglio
  • 200 g di olive bianche schiacciate
  • 50 g di capperi in salamoia
  • 50 g di pinoli
  • 1 tazza di salsa di pomodoro (pomodoro, cipolla e basilico)
  • 1 cucchiaio di prezzemolo
  • 1 cucchiaio di basilico
  • 2 cucchiai di zucchero di canna grezzo
  • 2 cucchiai di aceto di mele
  • sale e pepe q.b.
  • olio extra vergine d’oliva q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare e mondare le melanzane, i peperoni e le patate tangliandole a dadini e friggere tutto separatamente. A parte rosolare con un po’ d’olio le olive, i capperi ed il sedano, che avrete già scottato in acqua salata per cinque minuti, per intenerirlo. Aggiungere la salsa di pomodoro e condire con lo zucchero e l’aceto (l’aceto dell’agrodolce può anche essere aumentato rispetto la dose indicata, secondo i gusti).

Versare nel tegame tutti gli ortaggi fritti in precedenza e far insaporire per qualche minuto. Trasferire nel piatto di portata e cospargere di pinoli, prezzemolo e basilico tritato.

Questo piatto può essere consumato tiepido, ma servito freddo, anche il giorno dopo, viene apprezzato di più!

Se volete seguirmi per restare sempre aggiornati trovate qui la mia pagina Facebook, Twitter e Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.