Pasta sfoglia fatta in casa – burrosa e ariosa

Oggi vi lascio la ricetta della pasta sfoglia fatta in casa. Una preparazione che volevo provare da una vita. Ma il tempo che ci si mette a farla, mi tratteneva sempre. Anche se, in realtà, l’impegno è minimo, sono solo i tempi di riposo che sono lunghi, quindi, se avete una giornata in cui non siete tanto in giro, ma state a casa, sarà un gioco da ragazzi farla.

E’ davvero buonissima, burrosa, ariosa e leggermente friabile, proprio come deve essere una sfoglia. Un gusto che ormai si trova quasi solo nelle sfoglie fatte in casa, visto che per le sfoglie prodotte industrialmente, spesso il burro viene sostituito con la margarina, più economica. Inoltre, una cosa che non mi piace tanto della sfoglia comprata, è il profumo ed il leggero retrogusto dell’alcool. Un po’ come per le piadine o il pane a fette confezionati, le cui confezioni vengono spruzzate con alcool per una conservazione più lunga.

Se la preparate in casa, il gusto ne guadagnerà tantissimo! Ed anche la vostra soddisfazione ;). Come detto, prepararla è facilissimo, vi basta un po’ di tempo. Ecco i passaggi, in fondo troverete anche qualche consiglio sulla lavorazione e la conservazione.

Pasta sfoglia fatta in casa
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    40 Minuti + riposo ca. 6 ore
  • Porzioni:
    ca. 1 kg

Ingredienti

  • Farina 00 500 g
  • Burro freddo 500 g
  • Acqua ghiacciata 300 g
  • Sale 2 cucchiaini

Preparazione

  1. Per preparare la pasta sfoglia fatta in casa, mettete la farina nella ciotola della planetaria e mescolatela con il sale. Unite l’acqua ghiacciata ed impastate fino ad ottenere un impasto liscio. Formate una palla, appiattitela leggermente ed intagliate una griglia sulla superficie con un coltello affilato.

    Avvolgete con pellicola e mettete in frigo a riposare per una decina di minuti.

  2. Nel frattempo prendete il burro, mettetelo tra due fogli di pellicola e con l’aiuto del mattarello schiacciatelo un po’ e poi stendetelo per formare un rettangolo, lasciando uno spessore di ca. 1,5 – 2 cm. Riponete nuovamente in frigo.

  3. Quindi prendete l’impasto che avrà riposato e stendetelo, fino ad ottenere un rettangolo grande, in grado poi, di avvolgere il burro. Lasciate la parte centrale un po’ più spessa, li andrete ad appoggiare il burro.

  4. Appoggiate quindi il burro sull’impasto steso, al centro, e richiudete tutti i lembi per creare una sorta di pacchetto che avvolgerà tutto il burro.

  5. A questo punto potete stendere nuovamente l’impasto sulla spianatoia infarinata, sempre formando un rettangolo e lavorando con delicatezza e precisione, affinché il burro venga distribuito pressoché uniformemente all’interno dell’impasto.

    Ottenuto il rettangolo, procedete alla prima piega. Ripiegate un lembo (corto) di un terzo verso il centro, quindi piegate anche il lembo opposto, sovrapponendolo al primo.

    Avvolgete con pellicola e riponete in frigo per ca. 45 – 60 minuti.

  6. Trascorso il tempo di riposo, riprendete l’impasto, e mettetele sulla spianatoia leggermente infarinata, con l’apertura della piega rivolta verso di voi. Stendete nuovamente per ottenere un rettangolo. Piegate come in precedenza, ovvero di un terzo il lato corto verso il centro, sovrapponendo poi l’altro lato. Avvolgete con pellicola, riponete in frigo per 45 – 60 minuti.

    Ripetete questo passaggio fino a raggiungere un totale di 6 pieghe, lasciando sempre riposare in frigo l’impasto tra una piega e l’altra.

  7. Terminate le pieghe il vostro impasto è pronto. Anche se, per ottenere un risultato ottimale, sarebbe opportuno lasciarlo riposare in frigo per tutta la notte prima di utilizzarlo per creare torte dolci o salate, o qualsiasi altra cosa vorreste preparare con la pasta sfoglia fatta in casa.

    Se ti è piaciuta questa ricetta seguimi anche su Facebook.

Consigli

Potete conservare la vostra pasta sfoglia fatta in casa in frigo, ben avvolta in della pellicola, per 4-5 giorni. In alternativa potete anche congelarla a blocchi, o già stesa ed avvolta su della carta da frigo e poi chiusa in un sacchetto per alimenti, così vi basterà scongelarla, srotolarla e prepararla come più vi piace.

Ricordatevi di tagliare i bordi solo un un coltello ben affilato, in modo da tagliarli e non “schiacciarli”, perché nel secondo caso poi, i vari strati della pasta sfoglia non riuscirebbero a gonfiarsi a dovere.

Se invece volete che alcune parti non si gonfino in cottura, ad esempio il fondo di torte salate, bucherellatele con una forchetta.

Precedente Bignè salati ripieni - fingerfood da aperitivo Successivo Torta di arance e olio di oliva - soffice e profumata

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.