Friselle semintegrali con lievito madre

Ho sempre amato assaggiare specialità di altre regioni o altri paesi (tranne a Hong Kong, dove mi sono praticamente nutrita con Kinder Bueno per 2 giorni, ma questo è un caso particolare ;)). In ogni caso, era sempre festa quando i vicini di casa dei miei andavano in Puglia, di cui sono originari, e al ritorno ci portavano qualche specialità tipica pugliese.

Ricordo in particolare le cartellate pugliesi, dei dolcetti a forma di rosa, fritti e cosparsi con miele e codette di zucchero, e le friselle, questo pane biscottato che si mangia condito con pomodorini, aglio e olio di oliva, ma anche con tonno o altro per chi preferisce le farce più sostanziose.

Ovviamente non potevo non provare a fare le friselle in casa, così ho rinfrescato il mio lievito madre e ne ho provata la versione semintegrale. Davvero ottime!

Per la ricetta mi sono affidata alla mia amica Michela, il mio punto di riferimento in fatto di lievito madre, nel suo blog trovate la versione originale, con farina di grano duro.

Provatele, sono davvero eccezionali, in estate poi, sono perfette per una cena fredda!

Friselle semintegrali con lievito madre
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    45 Minuti + Riposo ca. 7/9 ore
  • Cottura:
    15-20 minuti
  • Porzioni:
    ca 25 friselle

Ingredienti

Per le friselle

  • Semola di grano duro rimacinata 300 g
  • Farina integrale 100 g
  • Lievito madre rinfrescato e raddoppiato 100 g
  • Acqua 270 ml
  • Sale 1 cucchiaino

Per il condimento

  • Pomodorini datterini (o ciliegino)
  • Aglio
  • Olio di oliva
  • Basilico

Preparazione

  1. Per preparare le friselle semintegrali con lievito madre, mettete nella ciotola della planetaria la farina ed il lievito madre. Iniziate quindi ad impastare, versando l’acqua gradualmente.

    Quando l’impasto sarà incordato, aggiungete il sale e quindi l’acqua restante.

  2. Non abbiate fretta a preparare l’impasto, in quanto dovrete impastarlo fino a quando sarà liscio ed elastico e inizieranno a formarsi delle bolle d’aria.

    Quindi formate una palla, trasferite in una ciotola unta con un filo di olio di oliva, coprite con pellicola e fate lievitare in un posto caldo, lontano da correnti d’aria, fino al raddoppio. Ci vorranno ca. 5-6 ore.

  3. Quando l’impasto sarà raddoppiato di volume, trasferitelo sulla spianatoia e ricavate pezzi di ca. 90 g l’uno.

    Formate quindi dei serpentelli con ognuno e richiudete le due estremità, in modo che formi un cerchio, con un buco al centro.

  4. Adagiate su una teglia foderata con carta da forno.

    Volendo potete mettere un bicchierino o una tazzina all’interno del buco, in modo che questo non si chiuda durante la lievitazione. Abbiate però cura di infarinare leggermente il bicchierino o la tazzina, in modo che non appiccichino all’impasto quando andrete a toglierli.

  5. Coprite con pellicola e fate lievitare fino al raddoppio. Ci vorranno ca. 1-2 ore.

  6. Quando saranno raddoppiate di volume, infornate le vostre friselle semintegrali a 220 gradi per ca. 15 minuti. Quindi sfornate, lasciate raffreddare 5-10 minuti, tagliateli a metà in senso orizzontale e infornate nuovamente, con la parte del taglio verso l’alto, per ca. 10-15 minuti, fino a quando saranno dorate in superficie.

  7. Lasciate raffreddare e poi gustatele bagnandole con abbondante acqua in superficie, in modo che si ammorbidiscano, e condite con pomodorini tagliati, aglio, olio di oliva e basilico fresco.

  8. Le friselle si conservano a lungo, basterà metterle in dei sacchetti di carta o dei sacchetti di plastica di quelli da freezer, in questo caso vi consiglio di praticare qualche foro nel sacchetto per conservarle più a lungo.

    Se ti è piaciuta questa ricetta seguimi anche su Facebook.

Precedente Crostata di albicocche fresche - leggera e rustica Successivo Schmarrn di grano saraceno - ricetta dell'Alto Adige

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.