Piadina Romagnola

Print Friendly, PDF & Email

Piadina Romagnola, nata dalla cucina povera ma di povero ha davvero poco. Può essere gustata in tanti modi, e a qualsiasi ora del giorno, per colazione con composte di frutta, per cena come sostituto del pane, calda ma anche fredda. Se si mangia come sostituto del pasto farcita con salumi, formaggi, verdure grigliate, pomodori e rucola ma… Prosciutto, Mortadella e Squacquerone sono il massimo ovviamente… A fine pasto poi come dessert con della crema di nocciola… Quando si tratta di ricette tipiche non si scherza la ricetta è originale e deve esserlo…

Piadina romagnolaPiadina Romagnola  

Ingredienti:

  • kg.1 di Farina
  • g. 500 di Acqua tiepida
  • g. 100 di Latte intero
  • n. 1 cucchiaio di Miele
  • n. 1 cucchiaino da caffè di Bicarbonato
  • g. 200 di Strutto
  • g.15 di Sale grosso (sciolto nel latte tiepido).

Procedimento:

In una ciotola capiente o planetaria mettere la farina, fare un buco al centro, mettere tutti gli altri ingredienti e impastare molto bene.

Il panetto che si viene a formare deve avere una consistenza morbida ma non appiccicosa, altrimenti intervenire con farina se troppo morbido oppure qualche goccia di latte se fosse troppo duro.

Portare il panetto sulla spianatoia e lavorarlo finchè non risulta liscio e vellutato (si può impastare anche con una planetaria).

Coprirlo con una ciotola capovolta e farlo riposare anche per un’ora (se la temperatura dovesse superare i 25° consiglio di metterlo in frigo per via dello srutto che contiene).

Formare delle palline di circa 100 g. e cominciando dalla prima stenderle tutte formando dei dischi.

Man mano bucherellarli con una forchetta o con l’apposito attrezzo e metterli sopra dei vassoi coperti con strofinacci da cucina spolverati di farina.IMG_0360

Mettere a scaldare l’apposito ferro per piadine (ma ormai tutti usiamo le padelle antiaderenti) e cuocere una piada alla volta rigirandola e con la mano aperta mentre cuoce farla ruotare.

Appena pronte toglierle dal fuoco e tenerle al caldo coperte con una tovaglia.

Si possono gustare in tanti i modi ad esempio  con salumi o formaggi, con  con verdure grigliate e con crema di nocciola o sbizzarrirsi a piacere…..

Consiglio: Vorrei ricordare che gli strofinacci da cucina sarebbe opportuno che nella fase di lavaggio non venga usata candeggina oppure ammorbidente perchè durante l’uso scaldandosi rilasciano l’odore e sarebbe un vero peccato rovinare tutto….Per sbiancare meglio il bicarbonato.

Ti potrebbe interessare anche: Tigelle

Ti potrebbe interessare anche: Calzoni di pasta sfoglia

Grazie per essere passata/o e alla prossima ricetta!

*Se ti piacciono le mie ricette clicca Quì poi metti mi “Mi Piace” per restare sempre aggiornata/o automaticamente con le nuove ricette. Enjoy

Ti potrebbero interessare altre ricette?
Precedente Torta Zebrata Successivo Crostata Sbriciolata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.