Crea sito

Gamberoni gratinati al forno

Print Friendly, PDF & Email

Gamberoni gratinati al forno, un antipasto prelibato molto semplice e di sicuro effetto. Una panatura molto profumata li avvolge e insaporisce, una cottura molto rapida per risultare croccanti fuori e morbidi dentro. Solitamente vengono serviti come antipasto ma possono essere anche serviti come secondo magari di accompagnamento ad un’altra varietà di pesce.

Gamberoni gratinati al forno
  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 25 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 400 g Gamberoni
  • 1 cucchiaio Prezzemolo tritato
  • 100 g Pane grattugiato
  • 1/2 cucchiaio Parmigiano grattugiato
  • 1 pizzico Aglio
  • 3 cucchiai Vino bianco
  • 1 pizzico Sale fino
  • 1 Limone (biologico)

Preparazione

  1. In una ciotola mettere il pane, il vino, il prezzemolo l’aglio tritato più fine possibile, un cucchiaio di olio, il parmigiano, una grattatina di buccia di limone, amalgamare tutto molto bene coprire e tenere da parte.

  2. Pulire molto bene i gamberi tagliando con delle forbici tutti i baffi, togliere il carapace lasciando attaccata la testa, con la punta di uno spiedino incidere il dorso e sfilare il budellino quindi lavarli velocemente e metterli a scolare.

  3. Accendere il forno a 170° mettendoci dentro anche la teglia che si userà per la cottura. Mettere il pane in un piatto capiente  metterci sopra i gamberi e girarli per fare attaccare molto bene il pane, il parmigiano aiuterà molto questa operazione, continuare a girarli delicatamente fino a quando saranno completamente coperti.

  4. Prendere la teglia dal forno metteci un foglio di carta da forno quindi sistemarci ben stesi i gamberoni, aggiungere il restante olio a filo e trasferire in forno per 25 minuti controllandoli.

  5. Servirli con fettine di limone e volendo maionese se piace.

  6. Consiglio: L’aggiunta del Parmigiano potrebbe sembrare un errore oppure non indispensabile ma non è così, serve a fare aderire il pane al pesce e dargli croccantezza in cottura.

Note

Grazie di essere passata/o e alla prossima ricetta!

Se ti piacciono le mie ricette seguimi anche sui social: 

Facebook  Pinterest   Google+  Twitter  Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.