Sformato di erbette e pane con noce moscata

Buono come il pane c’è solo il pane….che grande verità! Personalmente devo stare moooolto attenta a non esagerare perchè seppur io stoicamente riesca a resistere anche di fronte al più invitante dei dolci, mettetemi davanti a una pagnotta appena sfornata – magari integrale, con semi e noci – e  taaaac…..eccomi trasformata in un famelico Poldo di bracciodiferriana memoria!

Comunque, quando qualche pezzo del prezioso ingrediente riesce a sfuggire alle mie forche caudine e al becco del mio pettirosso domestico (ebbene sì, chi l’ha detto che solo cani o gatti posano somigliare ai padroni?….;)) ecco sorgere la stimolante domanda: “cosa ne faccio ora”?

Certo, si potrebbe trasformarlo in una deliziosa torta per la prima colazione (vedi ricetta QUI), ma a questo giro ho provato qualcosa di diverso e ho inventato questo sformato a base di saporite e salutari erbette – biete erbette, a onor di cronaca – e pecorino romano al profumo di noce moscata.

Lo sformato è buono sia caldo caldo sia a temperatura ambiente e non avendo un sapore fortemente caratterizzante potrete divertirvi a servirlo, come me, in mille modi diversi! Enjoy ♥

Sformato di erbette e pane con noce moscata

Sformato di erbette e pane con noce moscata

Portata – piatto unico
Prep time –  20
Cook time –  40
Total time –  1h
Porzioni – 6

Ingredienti

  • 500 gr – erbette a crudo
  • 1 spicchio – aglio in camicia
  • 120 gr – pane raffermo
  • 1lt circa – latte parzialmente scremato
  • 2 – uova
  • 30 gr – pecorino romano grattugiato
  • 100 gr – ricotta
  • q.b. – olio e.v.o. / pepe  / sale / noce moscata

Preparazione

Tagliamo il pane in piccoli pezzi e poniamolo in una ciotola. Scaldiamo il latte senza portarlo ad ebollizione e versiamolo sul pane, dovrà coprire bene tutto il pane disponibile. Aromatizziamo con una grattugiata di noce moscata e lasciamo riposare coperto finchè il pane avrà assorbito tuto il liquido.

Nel frattempo prepariamo le erbette: laviamole con cura, scoliamole e facciamole stufare in una padella dove avremo già scaldato un filo d’olio con uno spicchio di aglio in camicia. Quando le erbette saranno morbide scoperchiamo, lasciamo asciugare a fuoco vivo l’eventuale eccesso di acqua, eliminiamo l’aglio, saliamo e pepiamo e lasciamo intiepidire.

In una capiente ciotola sbattiamo le uova con un pizzico di bicarbonato aiutandoci con una frusta elettrica. Le uova non dovranno montare ma diventare spumeggianti. Aggiungiamo il pecorino, la ricotta passata in un colino a maglie strette, le erbette e il pane ben strizzato.

Aggiustiamo di sale, pepe e noce moscata e versiamo il composto in uno stampo antiaderente oliato e infarinato con pangrattato.

Cuociamo in forno statico già caldo a 200° per circa 40′, controllando la cottura con uno stuzzicadenti e coprendo con alluminio se la superficie dovesse scurirsi troppo.

Sformato di erbette e pane con noce moscata

Sformato di erbette e pane con noce moscata

Può esserti utile sapere che …

Come puoi notare dalle immagini qui sopra, ho servito questo sformato di erbette e pane con noce moscata in due tempi e con due diversi accompagnamenti: una volta con una crema al concentrato di verdure (ricetta QUI) e dei semplici bastoncini di zucchina saltati in padella con poco sale/olio/pepe/maggiorana, un’altra con una deliziosa riduzione di aceto balsamico self-made di cui a breve posterò la ricetta.

Ti consiglio di servire sempre e comunque questo sformato accompagnandolo con una salsa o crema perché di per sé è abbastanza asciutto, ma non lascerà a bocca asciutta i commensali: nonostante le umili origini sa farsi valere alla grande!

Ti è piaciuta la mia ricetta dello sformato di erbette e pane con noce moscata? Il tuo parere mi interessa! Aggiungi il tuo commento a fondo pagina 🙂

Vuoi restare aggiornato su tutte le ultime novità dalla mia cucina? Seguimi sulla pagina Facebook PapillaMonella e clicca “Mi Piace” – “Notifiche – si tutte” nella intestazione di pagina

Molte mie ricette sono state pubblicate nel sito #RicetteBloggerRiunite Grazie al Gruppo @RBR ♥

Precedente Torta rustica di pane, fichi e zucchero integrale Successivo Vellutata di zucca, carote e zenzero

Lascia un commento

*