Frittata di albumi ed essenza di carciofo

I carciofi sono una verdura saporita e ricca di importanti nutrienti, hanno solo una sola piccola controindicazione: la parte edibile è appena 1/3 rispetto al peso totale di questi “fiori verdi”.

Ma si può facilmente ovviare a questo spreco utilizzando i gambi e le foglie esterne più dure per ricavarne una crema concentrata che arricchirà le nostre preparazioni, come ho fatto io con questa frittata light cotta al forno.

Minima spesa, massima resa e gusto sopraffino perché le cosiddette parti di “scarto” sono guardacaso anche quelle più ricche di sapore. Quindi via libera al riciclo creativo, per una cena da veri goumand dove l’unico verde sarà quello dei vegetali…e non quello del nostro portafogli.

Puoi gustare la frittata come secondo piatto, ma è ottima e scenografica anche tagliata a cubotti e servita fredda, come sfizioso finger food 😉 Enjoy ♥

Frittata di albumi ed essenza di carciofo

Frittata di albumi ed essenza di carciofo

Portata – secondo

Prep time – 20′

Cook time – 40′

Total time – 1h

Porzioni – 3

Dimensioni teglia – Ø 20cm

Ingredienti

Per l’essenza di carciofo

  • 4 – carciofi medi (scarti)

Per la frittata

  • 4 – albumi
  • 1 – uovo intero
  • 300 gr – ricotta
  • 15 cucchiai – essenza di carciofo
  • 3 cucchiai – parmigiano reggiano
  • 2 cucchiai – maggiorana secca
  • q.b. – sale / pepe
  • 1 pizzico – bicarbonato

Pulisci i carciofi togliendo le foglie dure più esterne e la sommità del capo. Taglia i gambi 1cm sotto la corona e pela la parte esterna utilizzando un coltellino affilato o un pelapatate.

Potrai utilizzare i cuori così ricavati per altre preparazioni (se cerchi idee, guarda QUI), per questa ricetta serviranno infatti esclusivamente gli scarti e i gambi.

Inserisci tutti gli scarti in pentola a pressione, gambi esclusi, e coprili con abbondante acqua, aggiungendo un cucchiaino di sale grosso. Fai cuocere per 15’ dal fischio, lascia raffreddare e poi aiutandoti con un mestolo forato preleva le verdure, scolale bene e frullale con un frullatore ad immersione. Utilizzando un colino o un passaverdura separa la crema dalle parti fibrose.

Taglia i gambi a rondelle e cuocili al vapore per 10′ circa: dovranno essere cotti ma ancora sodi.

Monta a neve gli albumi con un pizzico di sale, e separatamente sbatti l’uovo intero con la ricotta e 15 cucchiai di essenza di carciofo ottenendo una crema ben amalgamata.

Aggiungi alla crema 1 cucchiaio di maggiorana, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, sale e pepe e un pizzico di bicarbonato. Aggiungi alla crema anche i gambi a rondelle poi incorpora gli albumi poco per volta, aiutandoti con una spatola ed eseguendo movimenti dal basso verso l’alto per non smontare il composto.

Fodera una teglia con carta forno e versa il composto livellandolo bene. Cospargi il terzo cucchiaio di parmigiano e il cucchiaio di maggiorana rimanente sulla superficie e inforna in forno statico già caldo a 200° per 40’ circa, verificando la cottura con uno stuzzicadenti.

Sforna e lascia intiepidire prima di estrarre la frittata dallo stampo. Servila tiepida.

Frittata di albumi ed essenza di carciofo

Frittata di albumi ed essenza di carciofo

Può esserti utile sapere che …

In cucina spesso sono gli ingredienti più poveri ad essere ricchi di sapore! Con gli scarti si possono creare infatti tantissimi piatti prelibati. Qualche idea? Prova la crema di foglie e gambi di cavolfiore con anacardi o il pesto di foglie di ravanelli e frutta secca. Ti stupiranno!

Se dopo aver preparato la frittata di albumi ed essenza di carciofo ti dovesse avanzare dell’essenza puoi utilizzarla per condire una pasta o per mantecare un risotto.

Ti è piaciuta la mia ricetta della frittata di albumi ed essenza di carciofo? Prova anche la frittata al forno con zucca catalogna e albumi o una delle tante idee che trovi nella categoria SECONDI PIATTI DI UOVA-FORMAGGI-LEGUMI

Per tutte le novità dalla mia cucina segui la mia pagina FACEBOOK 

PAPILLAMONELLA

e il mio profilo INSTAGRAM @papillamonella

Ti aspetto con il tuo LIKE 🙂

A presto!

Precedente Filetti di salmone alle tre erbe Successivo Orzo alla mela e speck croccante

Lascia un commento

*