Pancakes di Halloween

I pancakes sono delle frittelle morbide molto comuni nei paesi anglosassoni dove vengono serviti, generalmente, con dello sciroppo d’acero. Si consumano soprattutto durante il breakfast o per il brunch domenicale. In occasione di Halloween, ho travestito i miei pancakes per meglio adattarli all’atmosfera tipica di questa festa. Su alcuni ho realizzato dei pipistrelli e su altri la classica faccia da Jack-O-Lantern! Consiglio di accompagnarli con della marmellata o della nutella, visto che da noi lo sciroppo d’acero non è molto utilizzato, e di farli trovare ai vostri bambini sulla tavola della colazione la mattina del 31 Ottobre. Scommetto che li gradiranno moltissimo.


pancakes di Halloween

PANCAKES di HALLOWEEN

 

INGREDIENTI

  • 120 g di farina 0
  • 150 ml di latte
  •  60 g di zucchero di canna
  • 20 g di cacao amaro
  • 1 uovo
  • ½ bustina di lievito per dolci
  • sale
  • burro
  • zucchero a velo per decorare

PROCEDIMENTO

In una ciotola mettere la farina setacciata con il lievito, un pizzico di sale, lo zucchero, il cacao, il latte e l’uovo. Mescolare fino ad ottenere una pastella cremosa un po’ più densa di quella delle normali crêpes.

DSCF8675

Scaldare una padellina leggermente unta di burro e versarvi un mestolino di pastella.

DSCF8682

Quando cominceranno a formarsi dei buchini nell’impasto girare la frittella e cuocerla dall’altro lato. I pancakes, infatti, vanno cotti voltandoli una sola volta e sono pronti in pochissimi minuti.

Disporre man mano i pancakes in un piatto (potete anche sovrapporli perché non si attaccano).

Lasciarli intiepidire poi decorarli appoggiandovi sopra dei cartoncini con disegni legati alla festa di Halloween e spolverizzare con dello zucchero a velo.

pancakes di Halloween Collage


facebook twitter badgeSeguitemi su Facebook per essere sempre aggiornati sulle nuove ricette. Cliccate QUI e poi mettete MI PIACE in alto a destra. Grazie! E sono anche su Twitter. Mi trovate QUI!

 

Precedente Arrosto di vitello in salsa di olive verdi Successivo Canederli allo speck

10 commenti su “Pancakes di Halloween

  1. A.....a il said:

    Ciao Paola, ti ho scoperto solo ieri sera tardi ma oggi sono dovuta ritornare perchè il tuo blog è troppo bello!!!!!!
    …sapessi quante ricettine sto annotando… 😉
    sai, anche io faccio i pancakes, sia al cioccolato che classici, ma su 200g di farina aggiungo anche 2 cucchiai di olio…vedo che tu nn lo fai…vengono soffici lo stesso?ti chiedo perché così li ometto anche io… 😉

    • paola67 il said:

      Probabilmente i tuoi saranno + soffici, ma non sono male nemmeno questi! Sono contenta che il blog ti piaccia! 🙂 Grazie. Ciaoooo

      • A.....a il said:

        Ma io mica ho detto che i tuoi sono da meno?volevo solo sapere se erano soffici anche senza olio come li fai tu…tutto qui 😉

          • paola67 il said:

            Scusami…non mi era comparso il tuo nuovo commento e l’ho visto solo ora. Ti faccio anche presente che io nn sono al computer 24 ore su 24. Con calma rispondo sempre a tutti! I miei erano morbidi si…

  2. A.....a il said:

    Neanche io dato che ho altro da fare ma ho visto che avevi risp ad altri commenti e allora…mi sa cmq che nn è stata interpretata bene la mia domanda fin dall’inizio perché tu l’hai presa come se ti avessi detto “i pancakes che faccio io con l’olio sono + soffici di quelli che fai tu senza”…ASSOLUTAMENTE NO!!!!!
    ps: scusami se ti do del tu, sei + di 20 anni + grande di me e in + sei una professoressa…

    • paola67 il said:

      Nessun problema…nn ho interpretato male e nn me la sono presa x i pancakes…ci mancherebbe, avevo capito che volevi solo sapere se potevi eliminare l’olio anche tu! Ma ti spiego come funziona con i commenti. Quando una persona lascia un commento x LA PRIMA VOLTA mi viene segnalato e lo vedo subito e lo approvo. Tutti i commenti successivi della stessa persona non vengono + segnalati e se ci sono + commenti è facile che mi sfuggano xché spariscono anche dall’elenco che ho a lato del blog. Solo questo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.