Gnocchi di pangrattato

Lo confesso: ero scettica! Ero scettica, ma anche curiosa. E la curiosità ha avuto il sopravvento. Meno male che è andata così, perché questi gnocchi di pangrattato mi hanno davvero stupita. Sono buonissimi e molto facili da preparare e danno la possibilità di creare dei piatti rustici interessanti. E poi sono insoliti e a me piace sempre molto portare in tavola delle “cose diverse”. Ho trovato questa bella ricettina nella rivista “Ricette tradizionali” e l’ho seguita alla lettera. Perfetti.

gnocchi di pangrattato
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    5 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Pangrattato 400 g
  • Latte 400 ml
  • Uova 2
  • Grana Padano DOP 80 g
  • Noce moscata q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe nero q.b.

Preparazione

  1. Mettere il pangrattato in una capiente terrina e sgusciarvi dentro le uova intere.

  2. Mescolare, poi aggiungere il latte, una generosa presa di sale, una abbondante macinata di pepe nero e una bella grattugiata di noce moscata.

  3. Infine unire anche il formaggio grattugiato.

    gnocchi di pangrattato - procedimento 1
  4. Amalgamare perfettamente tutti gli ingredienti poi trasferire il composto sulla spianatoia. Sarà un impasto sodo, non appiccicoso e ben malleabile e non sarà nemmeno necessario infarinare la spianatoia per lavorarlo. Io ho fatto tutto a mano, ma lo si può realizzare anche con un robot da cucina.

  5. Prelevare un pezzetto di impasto e modellarlo fino a formare un rotolino. Quindi tagliarlo a tocchetti. La grandezza degli gnocchi di pangrattato dipende dal vostro gusto personale. Potete farli molto piccoli o di media grandezza, ma vi sconsiglierei di farli troppo grandi. 

    gnocchi di pangrattato - procedimento 2
  6. Adagiare man mano gli gnocchi di pangrattato sopra ad un vassoio (anche in questo caso non sarà necessario spolverizzarlo di farina poiché non si attaccheranno) e proseguire allo stesso modo fino ad esaurimento di tutto l’impasto.

E ora vediamo la cottura!

  1. Riempire una capiente pentola di acqua, salarla e portarla ad ebollizione (sì lo so, l’acqua andrebbe salata quando bolle, ma se io non lo faccio subito mi dimentico). 

  2. Tuffarvi gli gnocchi di pangrattato e lasciarli cuocere fino a quando torneranno a galla. Prelevarli con una schiumarola e utilizzarli per la ricetta desiderata. Ecco come li ho conditi io (QUI). Enjoy! Paola


  3. Seguitemi su Facebook per essere sempre aggiornati sulle nuove ricette. Cliccate QUI e poi mettete MI PIACE in alto a destra. E sono anche su Twitter (QUI) e Instagram (QUI). Grazie di ♥!

Precedente Risotto a pois Successivo Crema di cavolfiore alla curcuma

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.