Crostata arlecchino

Nonostante il suo nome, questa crostata arlecchino non è un dolce esclusivamente legato al Carnevale. L’ho chiamata così perché quei rombi di colore diverso mi ricordavano proprio il vestito della nota maschera di Bergamo. È una torta casalinga, friabile e buonissima, realizzata con una frolla morbida e profumata. Ha anche il pregio di permetterci di terminare i vari vasetti di confettura che si accumulano nel frigorifero. Io ho usato tre diversi gusti (arance, mirtilli e fragola) ma chi più ne ha… più ne metta.

Crostata arlecchino
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

250 g farina 00
100 g burro
100 g zucchero
1 uovo (medio)
10 ml latte
scorza di mezzo limone
4 g lievito in polvere per dolci
q.b. marmellate e confetture di colori diversi

Strumenti

1 Ciotola
oppure1 Planetaria
1 Grattugia per agrumi
1 Colino a maglie fitte
1 Mattarello
1 Tortiera del diametro di 24/26 cm

Procedimento

Prima di tutto preparare la frolla morbida seguendo la ricetta descritta QUI.

Dopo il riposo in frigorifero, portare il panetto di frolla sulla spianatoia leggermente infarinata e toglierne 100 g. Stendere il resto con il mattarello. Rimettete il pezzetto eliminato in frigorifero perché ci servirà per creare il motivo a griglia sulla superficie della crostata arlecchino.

Crostata arlecchino - procedimento 1

Trasferire la frolla all’interno di una tortiera del diametro di 24/26 cm precedentemente imburrata e infarinata facendola aderire al fondo e ai bordi. Vi consiglio di usare il mattarello per spostare la frolla. Quanto alla tortiera, è perfetto lo stampo da crostata con fondo amovibile. Se non l’avete e desiderate acquistarlo, lo potete trovare cliccando QUI.

Crostata arlecchino - procedimento 2

Eliminare l’eccesso di frolla e aggiungere questi ritagli al pezzetto tenuto da parte (quello che riposa in frigorifero), poi bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta.

A questo punto formare dei rotolini con la pasta frolla messa da parte e adagiarli nella tortiera formando un motivo a rombi come mostrato nella fotografia. Tranquilli… è facilissima da modellare.

Infine riempire gli spazi con marmellate o confetture diverse cercando di alternare i vari colori.

Crostata arlecchino - procedimento 5

Cuocere la crostata arlecchino in forno statico preriscaldato a 180° per 25/30 minuti. A cottura ultimata dovrà risultare ben dorata. Sfornarla e lasciarla raffreddare completamente prima di toglierla dalla tortiera e trasferirla sul piatto da portata. A piacere la si può spolverizzare con dello zucchero a velo. Io non l’ho messo. Enjoy! Paola

La crostata arlecchino si conserva per qualche giorno all’interno di una campana di vetro. Ma siete sicuri che resisterà per qualche giorno? A casa mia non è durata così tanto.

E se siete amanti di questo tipo di torte, vi consiglio tre diverse crostate. La terza è integrale. Cliccate sulle fotografie qui sotto se volete leggere le ricette:
crostata alla marmellata crostata con la marmellata Crostata integrale alla marmellata

Ne approfitto per ricordarvi che mi potete seguire su vari social per essere sempre aggiornati sulle nuove ricette che pubblico. Mi trovate su Facebook  (QUI), su Twitter (QUI), su Pinterest (QUI) e anche su Instagram (QUI). Grazie di ♥!

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.