Lievito madre rinfresco 1:1

Eccolo qui, finalmente mi sono decisa a postarlo, il mio lievito madre, prezioso come l’oro, almeno per me, forte come non lo si crederebbe possibile … e poi vedrete perché e da curare come una delle cose più preziose: ecco il lievito madre.

Da ormai 9 anni questo lievito lo mantengo “in vita” curandolo e rinfrescandolo (così si dice) ogni settimana e a volte anche di più quando devo utilizzarlo …

Ma se state pensando che sia troppo complicato da tenere, vi sbagliate … potete anche congelarlo se andate in vacanze … poi al vostro rientro con pochi semplici passi eccolo di nuovo rinascere … insomma … provatelo … vi stupirà in quante ricette lo potete utilizzare …

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    0 minuti
  • Porzioni:
    300 g di lievito madre
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Lievito madre 100 g
  • Farina 100 g
  • Acqua 50 ml

Preparazione

    • Questa procedura serve a spiegare a chi già possiede il lievito madre come “rinfrescarlo”, cioè come mantenerlo in vita.
    • Mettete 100 gr di lievito madre in una ciotola insieme alla farina e aggiungendo poco per volta l’acqua ed iniziate ad impastare
    • Otterrete un composto elastico e compatto (esattamente come quando si fa un impasto)
    • Continuate ad impastare e lavorare sul piano di lavoro fino ad ottenere una forma tonda ed omogenea.
    • Mettete in un contenitore ermetico (se dovete poi lavorarlo nuovamente od utilizzarlo), mentre se dovete conservarlo per la settimana mettetelo in un contenitore più ampio in frigo.
    • Lasciate riposare per 12 ore …. ed ecco la forza di cui vi parlavo … il lievito madre ha riempito tutto il contenitore ermetico e non trovando più spazio è riuscito a strabordare.

Note

  • Se non dovete utilizzarlo subito o non volete più rinfrescarlo per circa una settimana, mettetelo in un contenitore più ampio e sempre chiuso e mettetelo in frigo.
  • Dopo 7 giorni ripetete la seguente operazione che serve a mantenerlo in vita oppure per utilizzarlo solo in preparazioni leggere e con impasti non pesanti.
  • Per impasti più complessi come quelli dolci o di particolari tipi di pane il rinfresco sarà più “forte” …. e nelle prossime ricette vi spiegherò quali sono le quantità ….

Precedente Croissant sfogliati veloci al cioccolato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.