Capesante gratinate alla provenzale!

La capesante sono un piatto d’effetto, sicuramente non molto economiche, ma per una cena di pesce, magari a lume di candela sono sempre perfette. Sono molte le versioni possibili, i condimenti sulla capasanta https://it.wikipedia.org/wiki/Pecten_jacobaeus e anche nella gratinatura. Questa è una delle tante versioni possibili, rimane saporita, ma non eccessivamente forte, un giusto equilibrio di aromi. In questa versione non ci sono elementi piccanti, ma ovviamente se vi piacciono si possono tranquillamente aggiungere!

I nomi principali, conchiglia di San Giacomo, Pellegrina e anche Cappasanta, derivano dal fatto che nel Medioevo le conchiglie di questo mollusco erano diffusissime sulle spiagge della Bretagna (Francia) e della Galizia (Spagna), dove si trova il Santuario di Santiago (San Giacomo) de Compostela. Tutti i pellegrini, che da ogni parte d’Europa si recavano al santuario, raccoglievano una conchiglia e la portavano legata al proprio bastone o intorno al collo come simbolo del viaggio effettuato. La conchiglia di San Giacomo è il terzo mollusco più consumato al mondo, subito dopo l’ostrica e il mitilo. La pulizia si effettua semplicemente aprendo la conchiglia, dalla parte piatta, con la lama di un coltellino, eliminando la membrana, lasciando la parte bianca e la lingua rossa dove si trovano le uova.

Non è escluso che al suo successo, oltre il sapore deciso ma equilibrato e delicato, e la grande adattabilità ad ogni preparazione, abbiano contribuito la bellezza e la regolarità della conchiglia, la cui valva convessa è un piattino naturale (oltretutto resistente al calore) di disegno bellissimo, adatto a presentazioni eleganti. (informazioni storiche tratte da  https://www.taccuinistorici.it/ita/news/medioevale/pesce-conserve/capasanta-o-conchiglia-di-San-Giacomo-IGP.html )

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    4 conchiglie
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Capesante con conchiglia 4
  • Pomodorini ciliegino 5
  • Basilico (Fresco – I rametti devono essere ben pieni di foglie) 2 rametti
  • Pane raffermo (oppure pan grattato) 50 g
  • Parmigiano reggiano (grettuggiato) 50 g
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Prezzemolo (Fresco) 2 rametti
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

    • Pulite le capesante e preparatele su una teglia da forno
    • Intanto preriscaldate il forno nella funzione grill+forno a 250 °
    • Preparate a cubetti i pomodorini insieme ad un pizzico di sale, di pepe di olio evo e metà del basilico tritato molto finemente e mettete i cubetti di pomodoro sulle capesante
    • Preparate la copertura che poi diventerà croccante durante la gratinatura con pane raffermo tritato oppure pangrattato, parmigiano grattuggiato, prezzemolo e basilico tritati molto finemente, sale, pepe, e olio evo quanto basta per impastare bene il tutto in modo da poterlo modellare con il dorso di un cucchiaio(deve essere molto plastico e gli ingredienti non devono separarsi)
    • Disporre il composto sopra le capesante e i pomodori messi in precedenza fino a ricoprirli
    • Infornate per 20 minuti, e servite. Bon appétit!

Precedente Muffin noci, nocciole e pistacchi! Senza farina! Successivo Pollo, pomodori secchi, olive taggiasche e nocciole!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.