Marmellata di Fichi e Cardamomo

Il Fico, albero biblico, eterno e generoso. Ho mangiato tanti di quei Fichi, da sotto l’albero, e di diverse qualità, da dover sentitamente ringraziare, ora e in eterno, madre Natura per questa creazione. Ricchi di fibre, zuccheri nobili, vitamine e Sali minerali, buona fonte di energia per il corpo, i Fichi non dovrebbero mai mancare dalle nostre tavole. Si trovano freschi tutta l’estate e fino alla fine di settembre e vanno consumati subito essendo un frutto delicato che si deteriora rapidamente. Ottime le marmellate nelle sue infinite varianti, sui formaggi, per accompagnare grigliate di carne, soprattutto Cinghiale, per farcire crostate e biscotti, a colazione o a merenda spalmata sul pane.

Vediamo allora come preparare questa deliziosa marmellata dal profumo orientale.

 

  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:12 ore
  • Cottura:40 minuti
  • Porzioni:3/4 vasetti
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • Fichi 1 kg
  • Zucchero (Anche di canna) 750 g
  • Cardamomo 6/8 bacche

Preparazione

  1. Scegliete Fichi verdi e neri per un gusto più intenso, ma vanno bene anche di un solo tipo.

     

  2. Sbucciateli e fateli a pezzettini e sistemateli in una ciotola.

     

  3. Aggiungete lo zucchero.

     

  4. Unite anche la buccia grattugiata del Limone (solo la parte gialla) e il succo, mescolate delicatamente, coprite e lasciate macerare il tutto per una notte o poco più in frigorifero.

     

  5. Trascorso il tempo necessario, mettete i Fichi in una pentola di acciaio e portate sul fuoco. Lasciate cuocere a fiamma bassa e mescolando spesso per circa 40/45 minuti o finché la marmellata non risulti densa a dovere.

    Incidete nel frattempo i baccelli di Cardamomo aiutandovi con un coltellino a punta.

     

     

  6. Mettete sul fondo di ogni vasetto una o due bacche incise di Cardamomo, a seconda del vostro gusto più o meno aromatico, e riempite con la marmellata bollente. Capovolgete i vasetti e lasciate raffreddare completamente.

    Come per la maggior parte delle marmellate, sarà pronta all’assaggio non prima di aver riposato, al fresco e al buio, tre mesi.

    Fatemi sapere!

     

Precedente Mele cotogne, salute e bellezza del frutto dimenticato. Successivo Basilico sott'olio, il profumo dell'estate tutto l'anno.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.