Crea sito

La Frittata di Vitalba

Era abitudine, almeno una volta l’anno, andare in pellegrinaggio in uno dei numerosi eremi che costellano le nostre montagne. Ci si andava a piedi e la mattina presto si preparava, tra le altre pietanze, la frittata di Vitalba, da consumare per lo “sdijuno”, il pranzo abbondante delle 11 del mattino, tipico della tradizione rurale abruzzese, che era accompagnato da generosi bicchieri di vino, canti e preghiere rivolte al santo di turno. La frittata di Vitalba era la cosa più ambita del pasto e tutti ne mangiavano e ne offrivano un pezzo ai pellegrini di passaggio, come se fosse un alimento sacro e irrinunciabile per accedere alla dimensione mistica dello spirito eremita e calarsi completamente nella devozione e nella meditazione. Questa frittata, un tempo assai diffusa, è andata quasi del tutto scomparendo, soffocata dalla modernità e dalla perdita della conoscenza del sapere contadino, un patrimonio di inestimabile valore che andrebbe meglio tutelato e valorizzato.

La Frittata di Vitalba
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 120 gVitalba (Apici vegetativi)
  • 4Uova
  • 1 pizzicoPrezzemolo tritato
  • 1 cucchiaioParmigiano Reggiano DOP
  • 10 gBurro (Facoltativo)
  • 3 cucchiaiOlio extravergine d’oliva
  • 1 pizzicoPepe bianco (Facoltativo)

Strumenti

  • 1 Padella
  • 1 Pentola
  • 1 Piatto fondo

Preparazione

Raccogliete gli apici vegetativi in zone non inquinate, lontano da strade e campi coltivati. Fatelo il giorno stesso che li cucinerete. Per una buona frittata di Vitalba infatti, i germogli devono essere freschissimi. Se non avete tempo, sbollentateli qualche minuto in acqua leggermente salata e conservateli in frigorifero per il giorno dopo.
  1. La Frittata di Vitalba

    La Vitalba (Clematis vitalba) è molto comune in tutte le regioni italiane. Facile da individuare, va cercata nei boschi, negli incolti, nei ruderi abbandonati.

  2. Sbollentate per qualche minuto le cimette di Vitalba in acqua leggermente salata. Ripassatele poi in padella con l’olio e il burro per altri 3/4 minuti.

  3. La Frittata di Vitalba

    Nel piatto fondo, sbattete le uova con il prezzemolo tritato, il formaggio, un pizzico di sale e uno di Pepe bianco, se lo gradite.

  4. Versate le uova sbattute sulla verdura, mescolate con cura, e cuocete la frittata da ambo i lati.

  5. La Frittata di Vitalba

    Servite la frittata di Vitalba tiepida per assaporarla al meglio. E’ buona anche fredda, a temperatura ambiente, perfetta quindi per una scampagnata o per un buffet freddo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.