Filone alla semola (con lievito di birra)

Vuoi un’alternativa più rustica rispetto alla classica ciabatta? Ecco qui un filone alla semola: croccante fuori, morbido e saporito all’interno. Provate per crederci!

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Ore
  • Tempo di riposo5 Ore
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

500 g farina di semola di grano duro rimacinata
300 g acqua (per autolisi)
80 g acqua
8 g lievito di birra fresco
10 g sale fino

Strumenti

Possiamo impastare sia a mano che con l’aiuto di una planetaria, varieranno solo le tempistiche.

Passaggi

Questo pane è molto semplice da fare, ma soprattutto comodo perché pronto in giornata!
Iniziamo mettendo in autolisi la farina di semola con l’acqua segnalata precedentemente ed impastiamo grossolanamente, anche con le mani. Lasciamo riposare il composto per almeno un’ora, così che inizi a formarsi il legame glutinico.

Sciogliamo l’acqua rimanente e il lievito (possibilmente a temperatura ambiente).

Azioniamo la planetaria e aggiungiamo poco alla volta l’acqua con il lievito sciolto. Aspettiamo che venga perfettamente assorbita prima di versarne altra, perché c’è il rischio di perdere la maglia glutinica.

Appena l’impasto inizia ad incordare inseriamo il sale ed proseguiamo fino ad ottenere un panetto liscio.

Eseguiamo qualche piega e poniamo a lievitare fino al raddoppio (ci vorranno circa 4 ore).

Togliamolo adesso dalla ciotola, facciamo ancora qualche piega e diamo la forma del filone. Lo posizioniamo in una teglia cosparsa di farina di semola perché non si attacchi in cottura e lo lasciamo lievitare ancora 1 ora.

Cuociamo in forno statico a 220°C per 35 minuti e gli ultimi 5 minuti nel ventilato.

Il filone rimane morbido per 1 giorno circa all’interno di un sacchetto.
I tempi di lievitazione sono variabili perché dipendono molto dalla temperatura dell’ambiente circostante e da quella degli ingredienti.
Fate attenzione durante la cottura perché ogni forno ha le proprie tolleranze in quanto a gradi e tempistiche. Se vedete che la crosta inizia a diventare troppo scura piuttosto abbassate la teglia di un ripiano così da evitare che si bruci.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!