Crea sito

Scaloppine di maiale ai funghi | Ricetta veloce

Il modo migliore per evitare la solita fetta di carne in padella è accompagnarla con verdure. In questa ricetta, infatti è proprio la cottura con il fungo che dona alla carne un sapore unico. La scaloppina prevede l’infarinatura della carne e poi la cottura con una salsa, in questo caso saranno proprio i funghi che con la loro acqua di vegetazione creeranno un sugo delizioso che renderà umida e tenera la carne. A me piace tantissimo l’idea di cuocere la carne e le verdure insieme, i sapori si uniscono grazie alla cottura.
Allora siete pronti a provare LE SCALOPPINE DI MAIALE AI FUNGHI? Noi si, allora tutti in cucina!

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni3
  • Metodo di cotturaFuoco lento
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 350 gFette di carne di maiale
  • 350 gFunghi champignon
  • 1 bicchiereBrodo vegetale
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Farina 0
  • q.b.Sale e pepe

Preparazione

  1. Lavate i funghi, asciugateli e poi tagliateli a pezzettini. Passate ora alla cottura, in una padella riscaldare dell’olio d’oliva e poi aggiungete i funghi che dovranno cuocere per 5 minuti.

  2. Aggiungete ai funghi un po’ di brodo vegetale caldo, avendo cura di salare i funghi ove serva. Adesso fate cuocere per 10 minuti.

  3. Passate alla preparazione della scaloppina. Infarinate le fette, poi in una padella mettete un giro di olio e fate cuocere la carne per 5 min da ogni lato. Ricordatevi di salarla.

  4. I funghi messi da parte e il sughetto creatosi ora vanno aggiunti alla carne di maiale. Lasciate cuocere con un coperchio per 15 minuti.

  5. Servite le scaloppine di maiale con i funghi, il sughetto creato e una spolverata di pepe.

3,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ortointavola

Siamo due sorelle, studentesse universitarie, amanti della buona e sana cucina. Le nostre ricette riportano l'autenticità della nostra terra e la bontà dei prodotti biologici da noi coltivati nel nostro orto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.