Crea sito

Risotto con bruscandoli

Risotto con bruscandoli Ortaggi che passione by Sara

Il risotto con bruscandoli è una ricetta che richiama la primavera.

I bruscandoli sono le cime – i getti apicali di un’erba spontanea il luppolo selvatico (Humulus lupulus), pianta alta anche 5 metri e avvolgente. Cresce spontaneamente sulle rive dei corsi d’acqua, lungo le siepi, in mezzo ai rovi, ai margini dei boschi e dalla pianura fino ad un’altitudine di 1.200 metri. Sono molto diffusi nell’Italia settentrionale.

Non vanno confusi con i rami fioriferi di altre piante solo a prima vista molto simili, i veri bruscandoli hanno il gambo peloso e leggermente urticante.

Hanno diversi nomi e a volte sono erroneamente chiamati “asparagi selvatici”: aspargina, bruscandolo, laurtiss, luartis, luvertìn, lavertìn, luperi, vidisone, vartìs, urtizon, bertüçi, vartìs, viticedda, vidisone, tavarini.

Sono un ortaggio ipocalorico, dal sapore delicato e dal gusto leggermente amaragnolo, sono tanto più gustosi quanto più sono grossi. Si utilizzano solo i primi 15 centimetri.

Ottimi per frittate e risotti. Si possono anche semplicemente lessare e condire con olio, sale e limone.

Risotto con bruscandoli Ortaggi che passione by Sara

Risotto con bruscandoli

 

STAGIONALITA’  da marzo a maggio

CONSUMO utilizzare appena raccolti o conservare per alcune ore in un bicchiere con l’acqua.

 

Difficoltà     Cappello chef

Tempo di preparazione:  5 minuti

Tempo di cottura:  circa 20 minuti

 

Ingredienti per 2 persone

  • 160 g di riso
  • ½ cipolla
  • 150 g di cime di luppolo (lunghe circa 15 cm)
  • brodo vegetale q.b.
  • olio extra vergine d’oliva
  • vino bianco q.b. (facoltativo)
  • sale q.b.

Procedimento

Preparare il brodo.

Lavare e tagliare sottilmente la cipolla.

In una casseruola stufare la cipolla con un filo d’olio per circa 5 minuti.

Lavare bene i bruscandoli e tagliarli a pezzetti di circa 2 centimetri.

Unirli al soffritto, salare e insaporire per alcuni minuti, all’occorrenza aggiungere poco brodo.

Unire il riso e farlo tostare per qualche minuto mescolando bene.

Sfumare con del vino bianco, quindi unire qualche mestolo di brodo bollente e proseguire la cottura continuando ad aggiungerne mano a mano che viene assorbito.

Una volta cotto, spegnere il fuoco e aggiungere un filo d’olio extravergine d’oliva.

Servire il risotto caldo.

Per mantecare, a scelta
  • un filo d’olio extravergine d’oliva
  • lievito alimentare in scaglie
  • una noce di burro
  • un cucchiaio di latte
  • formaggio grattugiato
  • un cucchiaio di mascarpone
  • un cucchiaio di crescenza

.

Per restare informato sulle ultime ricette di ORTAGGI che PASSIONE seguimi su FACEBOOK o su INSTAGRAM o su TWITTER.

Copyright © Ortaggi che passione by Sara

Pubblicato da Sara Grissino

Cuoca green, seguo la stagionalità degli alimenti nella preparazione dei miei piatti. Amo conoscere, sperimentare in cucina i prodotti della campagna e non solo. Solare, mi piace stare in mezzo alla gente, condividere emozioni ed imparare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2013 - 2019 all rights reserved - ORTAGGI CHE PASSIONE by Sara